GARE 2021 CIRCUITO RUNNING

venerdì 24 dicembre 2010

“Il giro del Lume”…

HPIM4649 Quale modo migliore di scambiarsi gli auguri di Natale se non organizzando un bell’allenamento con qualche amico? Così stamattina in barba alla pioggia che non ha smesso un attimo di cadere, mi sono trovato a Varese con Omar, Antonio, Stefano e Luca. Luogo del ritrovo il negozio dei fratelli Frigo, che purtroppo stamattina non sono potuti essere della “partita” perchè erano aperti; programma dell’allenamento: “il giro del Lume”.

Si il famossissimo (…) giro del Lume, che prende il nome proprio dal suo ideatore il Luminoso, anche se oggi mi sono preso la libertà di inserirci qualche piccola variante! Partenza da Via Crispi per poi salire fino in cima al S.Monte, con suggestivi passaggi alla chiesetta di San Cassiano, alla torre di Velate, sulle rampe della bella salita in ciottolato inserita nella 1a gara dell’anno del PSV e poi ancora le Vie Oronco e Conventino fino a giungere ai piedi della statua del Mosè proprio in vetta al S.Monte; da qui abbiamo deciso di proseguire ancora per il sentiero che sale in direzione del Campo dei Fiori, per infine tuffarci nell’interminabile discesa che riporta fino alla zona di partenza!

HPIM4656 Totale della sgambata quasi 19km coperti in 1h e 38’, con belle trainate in salita e una gran progressione nel finale: davvero soddisfatto e divertito! Per concludere in bellezza piccolo ristoro a base di panettone, the caldo e spumante all’interno del negozio di Jamba e del Luminoso, con scambio di auguri e di buoni propositi per il nuovo anno.

Grazie a tutti per la piacevole compagnia e la splendida mattinata che nonostante la pioggia è risultata essere molto serena!

Adesso, dopo che qualche settimana fa avevo riposto le scarpe da gara nell’amadio, vorrei cogliere l’occasione di questo periodo di feste per riporre anche quelle da allenamento almeno fino all’inizio del nuovo anno…

…ce la farò??

Mmm… non so… comincio già il conto alla rovescia: ……–7……

      Altimetria    Tempi al km

venerdì 17 dicembre 2010

Il mio 2010… sempre di corsa!

Un altro anno se ne sta andando, ma nonostante lo scorrere del tempo certi ricordi rimarranno comunque indelebili: i tanti chilometri macinati in allenamento, le numerose gare e garette corse in giro un po’ per tutta la provincia e non solo, ma soprattutto i bei momenti trascorsi in compagnia dei tanti amici che come me condividono una sfrenata passione per la corsa!

Una sola immagine per ricordare tanti piacevoli momenti:

2010 sempre di corsa

Adesso non resta che attendere il 2011…

…nel frattempo buone feste a tutti!!

6

domenica 12 dicembre 2010

Ammazzinverno – Trofeo Bar “H” – Invorio Superiore

HPIM4645Ieri, sulle ali dell’entusiasmo legato alla bella esperienza di Domenica scorsa ad Oleggio Castello, mi è balenata in testa l’idea che l’indomani sarei potuto andare a “sgranchirmi” le gambe nel vicino Piemonte… non ero del tutto convinto di cimentarmi nell’ennesima gara, sia perchè è davvero giunto il momento di staccare la spina dalle competizioni essendo ormai stanco e spremuto dalla lunghissima stagione appena trascorsa, sia perchè non stavo troppo bene e il solo pensiero di svegliarmi presto per andare a gareggiare al freddo non mi rallegrava più di tanto…

Così seppur con qualche dubbio, prima di coricarmi ho comunque puntato la sveglia, con l’intenzione di decidere solo al mio risveglio il da farsi; risultato alle 8.30 ero già ad Invorio Supeiore per prendere parte alla consueta tappa domenicale del circuito Ammazzinverno!

Oggi finalmente una bella Domenica di sole, temperatura fredda ma niente a che vedere con quella polare trovata settimana scorsa ad Oleggio! Così invogliato sia dalla bella giornata che dalla compagnia dell’amico Andrea Marzio incontrato quasi subito al mio arrivo, alle 9.00 stavo già “zompettando” allegramente per le viuzze di Invorio attendendo l’ora della partenza, che come al solito sarebbe arrivata puntuale alle 9.30.

La prima parte di gara si sviluppa nella parte bassa del paese, snodandosi tra sentieri sterrati e piuttosto pianeggianti, che invogliano a tenere alto il ritmo; da subito sono i favoriti di giornata a prendere le redini della corsa, con Stefano Trisconi, Antonio Vasi, Marco Tiozzo, Sergio Prolo ad imporre una buona andatura, io assieme a Giuseppe Antonuccio, Cristiano Marchesin e qualche altro atleta cerco di accodarmi ai battistrada provando a tenere la loro scia.

Altimetria_ammazzinverno_invorio_superiore Ci riesco fino intorno al 2°km, quando dopo aver riattraversato la statale, la strada s’impenna decisa sotto ai miei piedi; Prolo, Trisconi, Vasi e Tiozzo allungano, io resto un poco attardato in compagnia di Antonuccio e di Stefano Cerlini, poco più dietro Marchesin e Brassini. Tengo davvero bene fino al cartello del 4°km, con i battistrada che nel frattempo sono rimasti in tre (Prolo, Vasi e Trisconi), tallonati a non più di 20 secondi dal gruppetto degli inseguitori di cui faccio parte anch’io assieme a Tiozzo, Antonuccio e Brassini; purtroppo fra il 4° e il 5°km in un tratto di sentiero boschivo tutto in salita, perdo leggermente contatto dai miei compagni d’avventura che si avvantaggiano di una 30ina di metri…

Risbuchiamo sull’asfalto, le pendenze non sono mai proibitive, ma la strada non accenna a spianare… dopo qualche centinaio di metri il percorso si inoltra nuovamente nei boschi, e finalmente arriva anche la discesa! Discesa molto tecnica e tortuosa, dove bisogna comunque prestare la massima attenzione e ricorrere spesso ai freni onde evitare di finire a fondovalle…

La strada continua a scendere e in men che non si dica ci ritroviamo nuovamente nelle viuzze del paese, poche curve ed ecco l’arrivo! Chiudo al 7° posto col tempo di 25’39” necessari per coprire i 6,8km rilevati al mio GPS. Gara vinta da Stefano Trisconi che ferma il cronometro sui 24’32”, al 2° posto nonostante una brutta caduta riesce a piazzarsi Antonio Vasi (24’48”), mentre l’ultimo gradino del podio è conquistato da Sergio Prolo col tempo di 24’55”; poi nell’ordine  Marco Tiozzo (4°) in 25’05”, Giuseppe Antonuccio (5°) in 25’15”, Maurizio Brassini (6°) in 25’30”, Giuseppe Bollini (7°) in 25’39” e Cristiano Marchesin (8°) in 25’55”. In campo femminile presenza d’eccezzione della campionessa mondiale di skyrunning Manuela Brizio che si aggiudica la vittoria regolando al 2° e al 3° posto rispettivamente Elisabetta Di Gregorio e Elena Manzato.

Anche oggi grande divertimento su un percorso davvero molto bello, preparato bene con tanto di cartelli ad ogni chilometro, anche se leggermente più lungo dello sviluppo dichiarato (6km). Se proprio devo trovare una piccola mancanza che riguarda queste garette, direi che riguarda l’arrivo: ho notato infatti che non usano distribuire i talloncini numerati che riportano la posizione; in questo modo tolti i primi 10, per tutti gli altri diventa difficile capire il proprio piazzamento.
Così spesso e volentieri capita di vedere podisti appena giunti al traguardo, impegnati nella raccolta di informazioni da chi li ha preceduti (che a loro volta hanno chiesto a quelli arrivati prima di loro e così via...), il tutto per tentare di stimare un presunto e approssimativo piazzamento…

Per quanto mi riguarda è davvero giunto il momento di prendermi una “vacanza” dalla corsa o perlomeno dalle competizioni, pertanto adesso vado a riporre le scarpette da gara nell’armadio e penso proprio che almeno fino a Gennaio ci resteranno…

…forse…

mercoledì 8 dicembre 2010

Potenziamento

Dopo la garetta all’Ammazzinverno di Domenica, e le uscite davvero molto blande di Lunedì e Martedì, per stamane avevo in programma un allenamento in salita per potenziarmi un po’, e indovinate un pò qual’è stata la mia scelta…
...salita al Monte Martica!

La giornata è così così, molto nuvolosa con una pioggerellina fine fine ma in grado di bagnare tanto tanto! Mentre posteggio l’auto, in testa mi frulla addirittura l’idea di provare ad abbassare il mio personal best (42’20”), a patto di non trovare troppa neve lungo le rampe degli oltre 7,5km di salita che portano dai 480 mt. s.m. di Bregazzana ai 1032 mt. s.m. della cima del Monte Martica;  parto convinto spingendo a fondo fin dall’inizio per poi decidere in base alle condizioni del sentiero come gestire il resto dell’ascesa.

Passa il 1°km, tanta acqua e fango, ma di neve davvero poca o niente, il 2°km è anche meglio: sempre pochissima neve ed anche il fango comincia a lasciare spazio al fondo roccioso. Incoraggiato dal buono stato del percorso continuo a tenere un’ ottimo passo, e anche il 3° e il 4° km scorrono via senza troppi problemi di innevamento; la sorpresa arriva al 5° km, quando dietro ad una curva, trovo improvvisamente uno strato di almeno 5cm di neve… penso:

“booo, sarà il versante più esposto e meno riparato dalla vegetazione, magari proseguendo la situazione migliora…”

Niente da fare, lo strato di neve continua ad aumentare e ad ogni passo sprofondo abbondantemente nella soffice coltre bianca; accantono così ogni speranza di migliorare il mio crono e capisco che oggi l’importante è arrivare. I centimetri di neve a terra continuano a crescere, tanto che ad un tratto penso addirittura di invertire la marcia e tornare indietro…

Martica innevata Invece no! Voglio assolutamente arrivare in cima! L’ultimo chilometro e mezzo lo corro in circa 30 centimetri di neve praticamente illibata, non fosse per le impronte di un cinghiale, una volpe e un capriolo (almeno penso). Ogni passo diventa faticosissimo senza considerare che ormai i piedi sono completamente zuppi d’acqua e piuttosto freddi…

Finalmente arrivo in vetta! La neve è davvero abbondante, ma lo spettacolo mi ripaga ampiamente della fatica fatta! Solo il piccolo presepio spunta fuori dallo spesso tappeto bianco, mentre un silenzio quasi sacrale avvolge qualsiasi cosa. Butto un’occhiata veloce al Garmin: 45’ e spiccioli…

“peccato…”
penso fra me e me,
"...oggi senza neve avrei potuto fare un'ottimo tempo!”
Una cosa è però certa: più potenziamento di così non si poteva!!

Anche la discesa diventa più impegnativa del solito causa neve, ma con un pò di attenzione si riesce comunque a scendere con una buona velocità; così in men che non si dica sono nuovamente alla mia auto, contento ancora una volta per essermi divertito come un bambino…
...un bambino che gioca con la neve!

domenica 5 dicembre 2010

Ammazzinverno – Oleggio Castello

…e io che pensavo di andare a fare una garetta piatta e veloce…

Dopo l’esperienza positiva dell’anno scorso, quest’anno avevo in mente di tornare in Piemonte per qualche garetta del circuito “Ammazzinverno”; così questa settimana, dopo averci dato dentro di brutto con gli allenamenti (forse troppo…), ho deciso di saltare il “Cross dei 2 pini” di ieri a Cardana, per presentarmi questa mattina ad Oleggio Castello.

                HPIM4598

Anche se il calendario ci ricorda di essere ancora in autunno, stamane le condizioni erano da vera ammazzinverno! Temperatura sotto gli 0°C e lastre di neve ghiacciata qua e la a testimoniare le recenti nevicate dei giorni scorsi. Appena arrivato a destinazione mi imbatto nell’amico Antonio Vasi, ma gironzolando un po’ nei pressi del ritrovo mi accorgo che di facce conosciute ce ne son tante: i fratelli Gornati, Simone Prina, Mauro Contini, Franco Mazzilli, Ombretta Bellorini, Cristina Clerici tanto per citare i primi che mi vengono in mente.

Altimetria ammazzinverno oleggioAlle 9.30 (più o meno…) partiamo proprio dalla piccola piazza antistante il circolo ACLI del paese, qualche centinaio di metri nelle viuzze del paese prima di buttarci a capofitto in una lunga discesa; davanti si mette subito il terzetto formato da Vasi, Guglielmetti e Trisconi, io inseguo a non più di un paio di metri. La sensazione è di stare andando davvero molto forte, e come se non bastasse a metà discesa, è un atleta proveniente da dietro a mettersi in testa dando nuovo impulso all’andatura: risultato primo mille chiuso in 2’57”…

Arriviamo in fondo alla discesa, una brusca svolta a sinistra ci incanala in una stradina tutta interamente in salita; i battistrada guadagnano metri o forse sono io che ne perdo, visto che anche Giuseppe Antonuccio che era alle mie spalle riesce a sopravanzarmi. Non mollo, mi “attacco” alle sue caviglie e poco alla volta riusciamo a riportarci nella scia dell’atleta autore poco prima della sparata in discesa; qualche secondo di attesa e lo superiamo.

arrivo Finalmente lo scollinamento: qui ci attendono un paio di chilometri ricavati fra sterrato e asfalto, un poco vallonati ma abbastanza rettilinei, tanto da permettere di controllare agevolmente la situazione degli atleti di testa: Trisconi si è leggermente avvantaggiato, a circa 15 metri segue il duo Vasi – Guglielmetti, staccato di una 20ina di secondi Antonuccio e subito dietro il sottoscritto.

Il tracciato di gara abbandona il sentiero principale e dopo il passaggio su uno stretto ponticello sopra ad un corso d’acqua, ci troviamo davanti un canalone di terra parzialmente ricoperto di neve che sale, sale e ancora sale! Antonuccio guadagna qualche metro ancora, mentre non riesco più a scorgere il terzetto di testa…

Riconosco la strada, capisco di essere prossimo all’arrivo, così dopo aver affrontato ancora un tratto in salita che altro non è che parte della discesa corsa nel 1° chilometro, transitiamo ancora una volta nelle strette viuzze del paese, fino a concludere la nostra fatica nuovamente accanto al circolo ACLI da cui eravamo partiti.

Chiudo la mia prova in 5a posizione con il tempo di 21’57” necessario per coprire i 5,9km rilevati al mio GPS; attualmente i primi 3 sono un passo avanti, mi resta un po’ di rammarico per il 4° posto che con un pizzico di determinazione in più sarebbe stato alla mia portata. La gara è vinta da un super Antonio Vasi in 21’05”, che riesce a regolare in volata Francesco Guglielmetti (21’06”), mentre si deve accontentare del 3° posto Stefano Trisconi (21’20”); poi 4° Giuseppe Antonuccio in 21’46” e 5° Giuseppe Bollini in 21’57”. In campo femminile vittoria per Cristina Clerici, 2a piazza per Elena Manzato, chiude il podio Adele Montonati.

Per rivedervi in azione potete visitare la mia fotogallery e l’album fotografico by Rino Corazze.

Mattinata conclusa al tavolo del ristoro con in mano un bel bicchierone di vin brulè, prima di scappare letteralmente a casa onde evitare il surgelamento totale!  Confermata l’atmosfera molto genuina e la buona organizzazione di questo tipo di manifestazioni, che non ha fatto mancare niente di quello che conta: un bel percorso impegnativo ma altrettanto piacevole e stimolante, misurato e presidiato a dovere, un buon ristoro finale e tanto divertimento! Viste le considerazioni finali, non so ancora quando ma sicuramente tornerò a sconfinare in terra Piemontese per prendere parte a qualche altra tappa del circuito “Ammazzinverno”, e chissà che non riesca a togliermi anche qualche piccola soddisfazione…

mercoledì 1 dicembre 2010

Sabato torna il “Cross dei 2 pini”!

Anche quest’anno fa il suo gradito ritorno il “Cross dei 2 pini”. Sabato infatti, si correrà a Cardana di Besozzo la 3a tappa del Winter Challenge, che avrà come location proprio il suggestivo pratone che con i suoi 2 pini, domina l’intero paese regalando una vista davvero mozzafiato. A tal proposito ricevo dall’amico Ugo Fantoni e pubblico con piacere, una breve presentazione della gara:

“Cross dei 2 Pini” – Benvenuti sul terrazzo del Paradiso

                     image

Benvenuti sul terrazzo del Paradiso….mi è rimasta particolarmente impressa questa affermazione che l’amico Antonio ha coniato l’anno scorso in sede di commento alla gara di Cardana. In effetti, senza peccare di presunzione, il nostro cross si sviluppa in una zona dai contorni talmente spettacolari da lasciare a bocca aperta tutti i presenti. Da lassù si domina il lago maggiore da Arona ad Ascona lungo tutta la costa piemontese, il Mottarone, la catena del Rosa e le principali montagne  elvetiche perennemente innevate. Ma al di là del contesto, noi della 7 Laghi proponiamo anche un percorso molto filante ed armonioso caratterizzato da un terreno compatto e per nulla gibboso. Il lavoro di preparazione operato sabato scorso con taglio dell’erba lungo tutto il tracciato e il conseguente “picchettaggio” ha dato modo di poter misurare in maniera precisa il campo gara: lo sviluppo perfettamente similare a quello della passata edizione è pari a metri 4.700 distribuiti su due giri, più un breve raccordo che porta sotto lo striscione d’arrivo. Siamo molto combattuti se lasciarlo come da tradizione o studiare una variante che consenta di portare il Kilometraggio complessivo a cinque. A nostro avviso, viste anche le precipitazione imagenevose di questi giorni che inevitabilmente hanno reso il tracciato più pesante, vorremmo lasciare il percorso immutato (vedi vista satellitare), ma sabato sarà nostra premura avvisare gli atleti di eventuali cambiamenti dell’ultima ora. Per saperne di più della storia di questo cross guardate il nostro articolo di presentazione dell’anno scorso, mentre ricordiamo che i vincitori dell’edizione 2009 sono risultati rispettivamente Lhoussaine Oukhrid in 15’ 47” ed Ilaria Bianchi in 17’ 36”. Non ci resta quindi che darvi appuntamento a sabato 4 dicembre per vivere assieme una bella giornata di sport in uno scenario suggestivo.

Ugo Fantoni
Sette Laghi Runners

sabato 27 novembre 2010

2a tappa Winter Challenge 2010 – Crosio della Valle

IMG_0378Dopo la pioggia, la neve! Se settimana scorsa erano stati acqua e fango a caratterizzare la 1a tappa del Winter Challenge, oggi a Crosio è stata la volta della neve, che caduta fra la notte di Giovedì e Venerdì ha completamente imbiancato il campo di gara!

Il tracciato è il medesimo degli scorsi anni, ossia un bel circuito di circa 2,5km da ripetere due volte, molto muscolare con un fondo piuttosto sconnesso e alcuni passaggi tecnici ed impegnativi, oggi resi ancora più difficoltosi dalla presenza del manto nevoso.

Tanti davvero i nomi di spicco presenti per questa 5a edizione del “Cross della Valbossa”, dagli specialisti Finesso e Salvioni della Comense, all’inesauribile Breda, il forte Mignani, un sempre più sorprendente Vasi e poi ancora Grammatico, Porrini, Marchesin , Zampini e tanti tanti altri!

IMG_0448 Per me la corsa di oggi vuole essere più che altro un bell’allenamento e un test per capire come sto in questo periodo di “relax”, naturalmente sempre confrontandomi a denti stretti con i soliti amici/rivali di sempre! Reduce dalla disattenzione in partenza di settimana scorsa a Cadrezzate, oggi mi concentro da subito onde evitare di perdere tempo prezioso già nei primissimi metri; il risultato è una partenza decisamente migliore, anche se la sensazione è che spingano tutti come dei matti! Cerco di tenere il mio ritmo provando a non perdere ulteriore terreno da chi mi precede, e ci riesco discretamente bene; il 1° giro passa davvero molto velocemente e anche nella 2a tornata riesco a distribuire bene lo sforzo, arrivando sull’ultimo rettilineo ancora con una buona spinta tanto da avvicinarmi di molto a Biagio Cantisani ricucendo i pochi metri di vantaggio che aveva.

IMG_2162 Taglio il traguardo in 21a posizione, impiegando 19’10” per coprire i 5,35km rilevati al mio GPS; piazzamento e sensazioni peggiori rispetto ad una settimana fa, ma media leggermente migliore (3’35”/km di oggi contro i 3’37”/km di Cadrezzate) che alla fine mi lascia comunque soddisfatto. Ad imporsi su tutti è Paolo Finesso che “straccia” tutti, fermando il cronometro sui 16’48” rifilando oltre 1 minuto a Ivan Breda giunto 2° in 17’56”, mentre il podio lo chiude un super Antonio Vasi (17’59”) in grado nel finale di impensierire anche Breda. In campo femminile è Cecilia Sampietro a scrivere il proprio nome nell’albo d’oro della manifestazione, imponendosi con l’ottimo tempo di 19’52”, 2° posto per la leader del circuito Ilaria Bianchi (20’46”) che finisce però a quasi un minuto, chiude il podio Deborah Oberle in 21’03”. Per vedere e scaricare la classifica di tappa vi rimando direttamente al sito SDAM.

Per vedere qualche foto della giornata segnalo il blog CorsAmica (che ormai da 2 settimane si avvale di 2 collaboratori d’eccezzione: il mio papà settimana scorsa e la mia mamma oggi!!), la fotogallery dei Valbossa e quella di Davide Morello. Per altri commenti non mancate di visitare il blog degli Athlon Runners, oltre a quello dei Valbossa, del soxj, di Daniele, di Janine, di Ilaria e il sito dell’ Atletica Casorate, mentre in attesa dei filmati realizzati da Mario Busnelli, Franco Rancati e teleSTUDIO8, potete iniziare a gustarvi quello di Omar:




Non mi resta che ricordare a tutti il prossimo appuntamento con il Winter Challenge, che si terrà Sabato prossimo a Cardana di Besozzo, dove i 7 Laghi Runners capitanati dall’amico Ugo Fantoni daranno vita alla 2a edizione del suggestivo “Cross dei 2 pini”: non mancate!

martedì 23 novembre 2010

PSV: novità in vista per il 2011…

Era già qualche giorno che l’amico Omar “soxj” Spoti mi aveva avvisato del cambiamento in atto, ma non essendo ancora stato ufficializzato nulla ho preferito aspettare a renderlo noto; adesso direi che è arrivato il momento di svelare la novità!

Novità che riguarda le fasce d’età delle varie categorie del Piede d’Oro, che dall’anno prossimo subiranno l’ennesima modifica (ricordo che da quando è nato il circuito nell’83, questa è la 5a volta che vengono riviste).

Ben venga l’iniziativa, visto che questo era uno di quegli aspetti che personalmente ritengo andasse assolutamente sistemato, però…
…però mi chiedo: ma visto che si è deciso di cambiare, non sarebbe stato più logico adottare le categorie già in uso dalla FIDAL e universalmente riconosciute?

Comunque, queste saranno le nuove categorie che faranno la loro comparsa a partire dalla prossima stagione (prese pari pari dal blog di Omar):

news CATEGORIE MASCHILI                        CATEGORIE FEMMINILI

fino 14    (1997 in poi)                              fino 14    (1997 in poi)    
15/22    (1996-1989)                                15/25    (1996-1886)     
23/34    (1988-1977)                                26/36    (1985-1975)     
35/42    (1976-1969)                                37/46    (1974-1965)    
43/49    (1968-1962)                                47/56    (1964-1955)     
50/56    (1961-1955)                                57 oltre    (1954-…)     
57/64    (1954-1947)      
65 oltre    (1946-…)

domenica 21 novembre 2010

Premiazioni atleti Piede d’Oro anno 2010 - Varese

              HPIM4500

Come tutte le cose belle, anche questa stagione del Piede d’Oro è terminata; stamattina presso il comune di Varese è infatti andato in scena l’atto conclusivo dell’anno agonistico 2010: le meritatissime premiazioni finali degli atleti.

Come è normale che sia, l’appuntamento è stato occasione per rivedere e salutare i numerosi “amici/avversari” che per un anno intero hanno corso spalla a spalla con ognuno di noi, e con cui grazie alla comune passione per il podismo si è instaurato un vero rapporto di amicizia! Così fra una battuta e una risata, sotto l’attenta direzione dei 2 speaker Ugo Fantoni e Fernando Casu, le premiazioni sono procedute spedite con tanti riconoscimenti per tutti: dalle categorie dei più piccini a quelle dei veterani, senza scordare gli immancabili amici dell’Istituto Sacra Famiglia e tutti coloro che durante la stagione hanno collaborato dando una mano.

>>>LISTA DI TUTTI I PREMIATI<<<         >>>CLASSIFICA FINALE PSV 2010<<<        >>>ALBO D’ORO 1986/2010<<<

HPIM4542 Naturalmente come da consuetudine per il PSV, non poteva mancare lo spazio dedicato alla solidarietà. Anche quest’anno grazie al contributo di ogni singolo iscritto, l’associazione ha potuto distribuire qualche soldino in beneficienza: un assegno di 1600€ a favore della LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) e un assegno da 2000€ a favore dell’Istituto Sacra Famiglia di Cocquio Trevisago. Infine ma non meno importante, il sentito ricordo di Dario Bonvini storico presidente e socio fondatore del PSV, venuto purtroppo a mancare ad inizio anno dopo una lunga e sofferta malattia.

In attesa delle foto e del filmato realizzati da Marco Frigo e prossimamente visibili sul sito del Piede d’Oro, potete trovare qualche scatto della mattinata nella mia  >>>FOTOGALLERY<<<.

DSC_0176 - Copia Per quanto mi riguarda, dal punto di vista sportivo mi posso ritenere più che soddisfatto per essere riuscito a riconfermarmi vincitore di categoria (guarda il filmato by “il Luminoso”), nonostante un infortunio che mi ha fatto compagnia per tutto l’anno, condizionandomi non poco sia in allenamento che in gara…
Dal punto di vista umano, anche meglio! Sapere che il lavoro svolto per aggiornare il mio blog, oppure per scrivere gli articoli per Varese Sport e La Prealpina è stato apprezzato, mi stimola a continuare su questa strada, cercando di raccontare e documentare sempre al meglio quella che è la mia e la vostra più grande passione!

Arrivederci al Piede d’Oro 2011, e buone corse a tutti!

P.S.
a chi fosse interessato, ricordo che domani sul quotidiano "La Provincia" e giovedì sul quotidiano "La Prealpina", verranno pubblicati i rispettivi articoli sulle premiazioni odierne.

sabato 20 novembre 2010

1a tappa Winter Challenge 2010 - Cadrezzate

Il cross del laghetto

           IMG_1135

Il Winter Challenge è ufficialmente iniziato! Oggi pomeriggio infatti in quel di Cadrezzate è andato in scena il 1° dei 4 appuntamenti con il circuito di corsa campestre Lombardo: il consueto “Cross del laghetto”, organizzato dal G.P. Miralago di Raffaele Della Pace. Giornata ideale per esaltare i 3 elementi che da sempre caratterizzano questo tipo di competizioni: il fango, il freddo e la fatica, oggi tutti presenti in gran quantità!

IMG_1099 Il percorso rispetto alle scorse edizioni è stato leggermente rimaneggiato, proprio per evitare alcune zone che a causa delle copiose piogge di questi giorni, erano più simili a delle risaie che ad un prato; ad ogni modo tracciato sempre molto impegnativo, con i soliti 2 giri di circuito da percorrere, prima di imboccare la variante finale che conduce all’arrivo posto a fianco del campo da calcio, il tutto per uno sviluppo totale di circa 5km.

Dopo la gara riservata ai più piccoli, con qualche minuto di ritardo sul programma è il nostro momento; lo sparo arriva per me in maniera improvvisa e del tutto inaspettata, tanto che colto di sorpresa vengo risucchiato nella pancia del gruppo! Complice una partenza davvero molto veloce da parte dei battistrada, ho il mio bel da fare per cercare di risalire qualche posizione, impiegando quasi tutto il 1° giro per riportarmi a ridosso del gruppetto di testa…

IMG_1137 Stranamento mi sento a mio agio, la fatica che di solito in questo genere di prove mi assale fin dai primi metri, oggi sembra non esserci! Penso fra me e me: “forse scoraggiata dal mal tempo ha deciso di restarsene a casa!” Continuo così una bella progressione che mi porta fino nella scia di Cristiano Marchesin e Marco Tiozzo, riuscendo a superare e staccare gente come Biagio Cantisani che di solito nei cross mi “massacra” sistematicamente!

Continuo davvero bene fino a metà del 2° giro, quando improvvisamente sento che le gambe cominciano a farsi più pesanti e legnose… stringo i denti, ma capisco di non essere più efficace come nelle falcate precedenti; Cristiano e Marco si allontanano, mentre Biagio da dietro rinviene pericolosamente, costringendomi a tirare un volatone finale interminabile per evitare di essere sorpassato!

154629_1621449929779_1042357696_1733315_3095711_n Chiudo in 16a posizione col tempo di 18’53 per coprire i 5,2km rilevati al mio GPS; considerando la mia ormai risaputa avversione per i fondi così muscolari, e che sono in un periodo in cui la mia condizione è ben lontana da quella ottimale, non posso che essere soddisfatto della mia prova!

La gara è vinta da Ivan Breda col tempo di 17’38”, 2a piazza per Salah Argoub in 17’50, chiude il podio Mattia Grammatico in 17’53”; in campo femminile s’impone la dominatrice della scorsa edizione del circuito Ilaria Bianchi che fa sua la vittoria in 19’58”, 2° posto per Cinzia Passera in 21’23”, mentre sul 3° gradino del podio sale Elisa Masciocchi in 21’34”. Per vedere e scaricare la classifica completa vi rimando al sito SDAM.

Per rivedersi in azione segnalo invece la fotogallery di Mario Busnelli su CorsAmica, mentre fra qualche giorno sul sito di teleSTUDIO8 sarà disponibile la sintesi video curata da Fabrizio Gulmini. Non mi resta che ricordarvi l’appuntamento con la prossima tappa del Winter Challenge, fissato per Sabato prossimo a Crosio della Valle, dove i Runners Valbossa daranno vita alla 5a edizione del “Cross della Valbossa”.

Infine ricordo che domani mattina a partire dalle 9.30 presso il comune di Varese si terranno le meritatissime premiazioni per gli atleti del Piede d’Oro 2010: naturalmente io non mancherò!!

martedì 16 novembre 2010

Tempo di cross…

La stagione dei cross è ormai cominciata! Sabato scorso è infatti andata in scena la 1a tappa del Poker Novarese a Borgo Ticino (questa la classifica completa by Oleggio2000), mentre sabato prossimo sarà Cadrezzate ad ospitare il 1° appuntamento del circuito Lombardo Winter Challenge.

L’atmosfera dei cross mi piace molto, ma non è certo il terreno dove mi esprimo meglio… ad ogni modo ho intenzione di partecipare sicuramente a qualche garetta anche come semplice allenamento, magari già recandomi questo sabato a Cadrezzate: vedremo…

Intanto ecco la lista dei cross finora resi noti che si svolgeranno nella stagione 2010-2011 nelle nostre zone (lista recuperata dal blog dell’amico Matteo Raimondi):

Sabato 20 novembre 2010 – CADREZZATE (VA) – 1° tappa Winter Challenge – 5 km
Giovedì 25 novembre 2010 – MILANO (MI) – 4 km
Sabato 27 novembre 2010 – CROSIO DELLA VALLE (VA) – 2° tappa Winter Challenge – 5 km
Domenica 28 novembre 2010 – PALAZZOLO SULL'OGLIO (BS) – 1° tappa Trofeo Monga
Sabato 4 dicembre 2010 – CARDANA (VA) – 3° tappa Winter Challenge – 5 km
Sabato 11 dicembre 2010 – CASORATE SEMPIONE (VA) – 4° tappa Winter Challenge – 5 km
Domenica 12 dicembre 2010 – OLGIATE OLONA (VA)
Domenica 12 dicembre 2010 – GRAVELLONA TOCE (VB)
Domenica 19 dicembre 2010 – BEREGUARDO (PV, da confermare) – 2° tappa Trofeo Monga
Domenica 26 dicembre 2010 – BEDISCO (NO) – 2° tappa Poker Novarese – 6km
Giovedì 6 gennaio 2011 – SAN GIORGIO SU LEGNANO (MI) – Campaccio
Sabato 15 gennaio 2011 – CAMERI (NO) – 3° tappa Poker Novarese – 6 km
Domenica 16 gennaio 2011 – CANTU' (CO, da confermare) – 3° tappa Trofeo Monga
Domenica 23 gennaio 2011 – NOVARA (NO)
Domenica 23 gennaio 2011 – CITTIGLIO (VA, Cross del Vallone) – 4° tappa Trofeo Monga
Domenica 30 gennaio 2011 – COSSATO (BI)
Domenica 6 febbraio 2011 – SAN VITTORE OLONA (MI) – Cinque Mulini
Domenica 6 febbraio 2011 - CINISELLO BALSAMO (MI) – 5° tappa Trofeo Monga
Sabato 12 febbraio 2011 – CASTELLETTO TICINO (NO) – 4° tappa Poker Novarese – 6 km
Domenica 20 febbraio 2011 – SANTHIA’ (VC)
Domenica 3 marzo 2011 – CAMERI (NO)

domenica 14 novembre 2010

Calendario Piede d’Oro 2011

64_calendario5b45d Presentato il nuovo calendario di gare 2011 del circuito podistico più famoso della provincia di Varese. Gli appuntamenti scendono a 32, riconfermate tutte le location dello scorso anno ad eccezzione di Cassinetta (Corsa di Primavera) e Daverio (Le terre di mezzo); fa il suo gradito ritorno Castiglione Olona con la 5a edizione dell’ ”Athlon Run”.

Ma ecco il >>>CALENDARIO COMPLETO PSV 2011<<<

Per tutte le altre informazioni, per il regolamento e per scaricare i moduli necessari all’iscrizione al circuito, vi rimando direttamente al sito ufficiale del Piede d’Oro.

sabato 13 novembre 2010

Pizzata Piede d’Oro

             IMG_1073

Dopo un anno di fatiche, Giovedì sera assieme a qualche amico del Piede d’Oro ci siamo trovati per festeggiare in compagnia la fine della stagione; presenti Omar “soxj”, Biagio, Marco “il luminoso”, Andrea “Jamba”, Cris, Antonello, Mario “CorsAmica”, Enrico, Antonio, Rudy “il campionissimo”, Elisa, Luca, Stefano e Marco: grazie a tutti per la bella serata!!

Per vedere qualche foto, nonchè l’immancabile clip video e leggere il commento di Mario, vi rimando al suo blog CorsAmica.

venerdì 12 novembre 2010

Trofeo metro di legno 2010: and the winner is….

Restando in tema di classifiche finali, non potevo scordarmi del mitico “Trofeo metro di legno”, che con la fine delle gare del PSV, può definitivamente incoronare il suo “vincitore”….

trofeob Incredibile ma vero! Dopo le anticipazioni di qualche mese fa, nessuno ci avrebbe scommesso un solo centesimo, e invece Taino e la sua “Dall’Ulmin all’Ulmin” sono state scalzate dal 1° posto delle gare col chilometraggio più sballato!!!

                          >>>PROMOSSE, BOCCIATE E RIMANDATE<<<

Qui sopra trovate l’elenco di tutte le gare aggiornato e diviso fra promosse, bocciate e rimandate; ricordo che il criterio che ho usato per classificarle è il seguente: ho concesso un 4% di margine fra il dato dichiarato e quello rilevato, valore scaturito tenendo conto delle tante variabili in gioco (errore dei GPS per uso civile, differenza di traiettorie rispetto a quella ideale ed errori umani). Pertanto,

the winner is…..

premiazioni-cunardo CUNARDO e la 2a edizione della “Su e giù per Cunardo” che con ben 1,4km di errore nella misurazione del tracciato, sbaraglia tutti gli avversari!! Si deve accontentare della piazza d’onore Taino (“Dall’Ulmin all’Ulmin”), mentre chiude il podio Cadrezzate (“Paola e il suo lago”). Solitamente si fanno i complimenti ai vincitori, in questo caso è meglio stendere un velo pietoso…

Scherzi a parte, direi che nonostante tutto siamo sulla strada buona; il numero di organizzazioni attente alla misurazione è nettamente superiore rispetto al numero di quelle “sbadate”, e in ogni caso anche nella lista di quelle bocciate tolte le 3 gare che si sono aggiudicate il podio, direi che gli errori ci sono ma non sono eclatanti.

Naturalmente tengo a precisare che l’intento di questa classifica non è quello di schernire chi comunque si è dato da fare per mettere in piedi una gara, ma è quello di spronare le varie organizzazzioni a migliorarsi sempre più, avendo un occhio di riguardo per un particolare (la misurazione e segnalazione dei chilometri appunto), che è tanto semplice da ottimizzare quanto importante.

mercoledì 10 novembre 2010

Ask&Run

ask&run I più attenti si saranno accorti che da qualche giorno nella colonna di sinistra del blog è comparsa una finestra dedicata all’iniziativa Ask&Run.

Cos’è Ask&Run?

Ask&Run è un progetto dedicato ai runner creato da Powerade: attraverso un team di trainer professionisti risponderanno pubblicamente alle domande che i runner pongono sul mondo della corsa a 360°, per aiutarli a migliorare la propria performance e sostenerli nel vivere al meglio la pratica sportiva.
Il progetto è da poco online attraverso un sito dedicato: www.ask-run.com dove vengono raccolte tutte le domande dei runner e le relative risposte, catalogate per preferenze e argomenti. Le domande possono essere poste sul sito ufficiale, oppure direttamente dal mio blog, digitando la propria richiesta nella finestra dedicata (la trovate nella colonna di sinistra).

Al termine del progetto (fine dicembre), verranno raccolte in un unico documento le migliori 100 domande e risposte sul running in modo da poter essere condivise con tutti gli appassionati di corsa.

martedì 9 novembre 2010

Piede d’Oro: tutti i premiati della stagione 2010

podio Ecco l’elenco con i nominativi di tutti gli atleti che verranno premiati Domenica 21 Novembre a partire dalle 9.30 presso il comune di Varese:

>>>ELENCO PREMIATI 2010 PSV<<<

Per vedere invece l’albo d’oro del Piede d’Oro, con tutti i nomi dei vincitori di categoria dal 1986 ad oggi, potete cliccare sul link qua sotto oppure sull’immaggine della coppa che trovate nella colonna di sinistra:

>>>ALBO D’ORO PIEDE D’ORO<<<

domenica 7 novembre 2010

Le Terre di mezzo - Daverio

33a e ultima tappa Piede d’Oro 2010

Ebbene si, anche quest’anno siamo arrivati in fondo al Piede d’Oro e per l’occasione è toccato a Daverio ospitare l’ultimo appuntamento 2010 del circuito di Podismo Sportivo del Varesotto; a fare gli onori di casa i Runners Valbossa che hanno dato vita alla 1a edizione della gara podistica denominata “Le Terre di mezzo” .

Oltre alle importanti concomitanze con cui si è “scontrato” l’evento (una su tutte “la mezza maratona di Busto Arsizio” - CLASSIFICA), anche il meteo non ha certo favorito gli organizzatori: una pioggia incessante iniziata a cadere già dalla notte, ha accompagnato l’intero svolgimento della corsa, condizionando sicuramente in negativo la partecipazione degli atleti che non è andata oltre le 410 unità.

Altimetria_Le Terre di mezzo Personalmente il percorso offerto per questa 1a edizione de “Le Terre di mezzo” mi è davvero piaciuto molto: tanto sterrato e un andamento impegnativo ma non impossibile; percorso che oggi è risultato particolarmente duro a causa del fango e dall’acqua, ma che in condizioni di asciutto sarebbe sicuramente stato molto più veloce e accattivante.

Dopo una settimana di stop completo e un’altra in cui ho ripreso ad allenarmi in maniera molto graduale, almeno a livello di testa ho ritrovato le giuste motivazioni e la voglia di far fatica, un po’ meno a livello fisico…

Parto infatti in maniera decisa, non risparmiandomi e mettendomi addirittura in testa a tirare; col passare dei primi chilometri mi attesto in 5a posizione, tenendo bene almeno fino all’imbocco del primo boscho: qui il terreno si fa subito pesante quasi a volermi ricordare che è ormai tempo di campestri e di scarpe chiodate…
La testa continua a dirmi di spingere e di tener duro, ma una condizione non ottimale e un terreno che non è certo il mio preferito, mi riportano rapidamente alla cruda realtà…

Vengo sfilato da Marchesin, Fontana, Argoub, Antognazza e Beltrami, restiamo tutti molto vicini, ma loro son davanti e io dietro…
Da metà gara in poi capisco che per come sto messo in questo momento, devo badare più a difendere la mia posizione da eventuali attacchi piuttosto che cercare di attaccare chi mi precede; arrivo così in prossimità dell’ultimo chilometro, davanti a me c’è un nutrito gruppetto in fila indiana, son tutti abbastanza vicini almeno fino alla 3a posizione, mentre voltandomi non vedo nessuno nelle immediate vicinanze. Ancora una volta la mia testa vorrebbe aumentare il ritmo, ma le gambe non sono d’accordo…

P1110771 Chiudo così una gara piuttosto incolore tagliando il traguardo in 10a posizione, col tempo di 38’40” necessario per coprire i 9,8km rilevati al mio GPS. Vittoria per il solito Ivan Breda, che ancora una volta ha salutato tutto il gruppone fin dalle prime battute, presentandosi in solitaria al traguardo con il tempo di 35’41”. Si conferma in grande forma la sorpresa di questa stagione 2010 Antonio Vasi che col tempo di 37’06” centra l’ennesimo 2° posto, chiude il podio Rachid Argoub in 37’43”; poi in successione: 4° Claudio Fontana (37’53”), 5° Marco Tiozzo (38’00”), 6° Cristiano Marchesin (38’04”), 7° Manuel Beltrami (38’11”), 8° Alberto Antognazza (38’18”), 9° Marco Maginzali (38’32”) e 10° Giuseppe Bollini (38’40”).
In campo femminile vittoria per Cristina Grassi in 47’55”, 2a piazza per Erica Zanella in 48’39” e gradino più basso del podio per Giuliana Novati in 48’59”; poi in successione: 4a Angiola Conte (49’19”), 5a Eugenia Vasconi (50’29”), 6a Vera Veronelli (51’26”), 7a Carla Valeri (52’07”), 8a Anna Reggiori (52’26”), 9a Cristina Albergoni (52’48”) e 10a Simona Milani (52’59”).

        >>>CLASSIFICA COMPLETA DI TAPPA<<<              >>>CLASSIFICA GENERALE PSV DOPO 33 GARE<<<

Buona l’organizzazione dei Valbossa, che nonostante le avversità meteo, hanno preparato tutto molto bene, dalla zona del ritrovo, al percorso, fino alle premiazioni finali; come già scritto bello il tracciato di questa 1a edizione de “Le Terre di mezzo”, che mi auguro possa diventare nei prossimi anni una delle tappe fisse del Piede d’Oro.

Adesso un po’ di riposo, naturalmente senza scordarsi l’ultimo appuntamento con il Piede d’Oro fissato per Domenica 21 Novembre presso il comune di Varese: stavolta però non per correre ma per godersi le meritatissime premiazioni finali di categoria (a breve pubblicherò l’elenco di tutti i vari vincitori), e poi spazio alla preparazione invernale, a qualche cross e perchè no a qualche Ammazza Inverno!

venerdì 5 novembre 2010

Le anticipazioni sulla 1a edizione de “Le Terre di mezzo”

fonte: blog dei Runners Valbossa articolo a cura di Massimo Colombo

Planimetria “Sopralluogo sul percorso che domenica prossima vedrà lo svolgimento della gara del Piede d’oro: “Le Terre di mezzo”. Nonostante si svolga per la maggior parte su strade bianche o boschive, le recenti abbondanti piogge non hanno causato nessun problema e, anche se in qualche punto restano alcune grosse pozzanghere, sono comunque facilmente evitabili.
L’autunno ormai inoltrato rende ancora più affascinanti i colori dei boschi che si attraversano.
La misurazione effettuata col Garmin da una lunghezza di km. 9,800.

Vi aspettiamo sempre numerosi e grintosi per affrontare l’ultima fatica prima della pausa invernale.

Percorso: in giallo le salite e in verde le discese.”

domenica 31 ottobre 2010

Pu.Ma Race – Casorate Sempione

32a tappa Piede d’Oro 2010

pioggia4rd4ov Ieri sera ho preparato il mio borsone come al solito, con la speranza di svegliarmi stamattina e scoprire che tutti i metereologi d’Italia si fossero sbagliati all’unisono, riguardo l’arrivo della perturbazione Atlantica prevista proprio per oggi…
Purtroppo già durante la notte, le ire di Giove Pluvio si sono scatenate in maniera piuttosto violenta, tant’è che mentre mi rigiravo nel mio lettuccio pensavo:

“No, no, è una settimana che sto male, non è proprio il caso di svegliarmi per andare a correre…. poi chi me lo fa fare? Sarebbe solo comunque un allenamento…”

Ore 7.00, lo squillo della sveglia; non sento rumori… alzo la tapparella e incredibile non piove…

“Che faccio? Vado o non vado? ……………….. Ma siiiiiii, in fondo non piove!”

Le ultime parole famose… infatti da quando sono uscito di casa a quando sono rientrato dopo la corsa, non ha smesso un attimo di scendere acqua!!

IMG_0059 Comunque ormai ero fuori e come me tante altre persone: anche oggi nonostante il maltempo e la concomitanza con la vicinissima manifestazione IVV-FIASP di Gallarate, ben 650 podisti si sono presentati al nastro di partenza della 2a edizione della “Pu.Ma Race”, gara podistica di 10km organizzata dagli amici Silvia & Antonio di Pu.Ma Sport con l’ausilio dell’Atletica Casorate. Tolto il passaggio finale nel boschetto adiacente al centro sportivo, riconfermato in toto l’apprezzato percorso della passata edizione, caratterizzato da tanto bosco e da un’altimetria piuttosto piatta, che in condizioni di tempo asciutto ne avrebbero fatto uno dei tracciati più veloci del circuito.

Appunto, in caso di tempo asciutto… non oggi, che a causa della gran quantità di pioggia caduta, il percorso sarebbe stato meglio affrontarlo con gli stivali piuttosto che con le scarpe da running! Il fango abbonda ovunque, ma il vero problema sono alcuni punti completamente allagati, dove diversi centimetri d’acqua ricoprono interamente il sentiero per alcuni metri.

Io sto correndo in maniera abbastanza tranquilla, quindi non ho problemi a continuare a saltare da un lato all’altro dei sentieri, zigzagando fra pozze più o meno grandi, o magari rallentando parecchio quando devo “guadare” una mega pozza di quelle inevitabili, ma chi sta dando il massimo non ha certo il tempo e la voglia di schivare l’acqua… risultato: numerose cadute, tutte fortunatamente senza grosse conseguenze o quasi…

Al 6°km circa, appena usciti dal bosco vedo la sagoma di un atleta sdraiato a bordo strada; mi fermo e riconosco Vittorio Ciresa, che avendo messo male un piede, si è probabilmente procurato una slogatura della caviglia. Gli domando come sta DSC_4531 cercando di incoraggiarlo, nel frattempo chiedo ad un altro podista di tornare indietro al ristoro ad avvisare dell’accaduto e a chiedere aiuto, perchè Vittorio è davvero molto dolorente a tal punto da non riuscire nemmeno a sfilarsi la scarpa…
Lascio Vittorio in compagnia di altri atleti che nel frattempo si sono anch’essi fermati per prestare soccorso, e riparto per percorrere gli ultimi chilometri che fortunatamente sono quasi interamente su asfalto.

Taglio il traguardo posto sulla pista di atletica del campo sportivo intorno alla 140a posizione, in un tempo di 44’22” necessari per coprire i 9,9km rilevati al mio GPS; ma oggi non è il tempo che conta: quello che conta è aver ripreso a correre, alla faccia dell’influenza e del maltempo!

Gara vinta dal solito Ivan Breda che ferma il cronometro sui 33’46”, 2a piazza per un sempre più sorprendente Antonio Vasi in 35’02”, chiude il podio Mauro Toniolo in 35’09”; poi nell’ordine: 4° Paolo Proserpio, 5° Umberto Porrini, 6° Matteo Crotti, 7° Franco Fonessu, 8° Francesco Mulè, 9° Maurizio Mora e 10° Cristiano Marchesin.
In campo femminile vittoria per Claudia Gelsomino con un tempo vicino ai 39’, 2a piazza per Loretta Giarda in 39’43”, chiude il podio Elisabetta Di Gregorio in 41’58”; poi nell’ordine: 4a Lorena Strozzi, 5a Rita Grisotto, 6a Emanuela Fossa, 7a Monica Mele, 8a Elena Manzato, 9a Angiola Conte e 10a Lorena Panebianco. Grazie a Enrico Rodari per la raccolta di nomi e tempi della classifica sopra riportata.

                                                          >>>CLASSIFICA COMPLETA<<<

IMG_0030 Sempre buona l’organizzazione targata Casorate, anche se oggi personalmente penso che sarebbe stato meglio “dirottare” la corsa su un tracciato alternativo su asfalto, evitando il più possibile i boschi che erano in condizioni davvero al limite.

L’acqua, il vento e il freddo non hanno fermato i virtuosi della macchina fotografica: per rivedersi in azione è sufficiente visitare la fotogallery di CorsAmica by Mario Busnelli o quella di Podisti.net by Arturo Barbieri.

Domenica prossima appuntamento a Daverio per la 1a edizione de “Le terre di mezzo”, gara podistica di circa 10km inserita quest’anno per la prima volta nel calendario del Piede d’Oro e che chiuderà la stagione 2010.

sabato 30 ottobre 2010

Settimana di riposo…

Ebbene si, come da programma mi sono concesso una settimana di riposo assoluto dalla corsa; diciamo che nolente o volente questa pausa me la sarei comunque dovuta prendere, visto che è da Martedì sera che sono vittima di un virus intestinale che mi ha causato non pochi problemi…

004_Wonderwoman_wcJ Altre volte mi è capitato di prendere delle leggere influenze, raffreddori o malanni di stagione senza mai interrompere gli allenamenti, ma nel caso del virus intestinale non ci sono storie: puoi essere anche Superman o Wonder woman ma ti devi fermare!

Domani sarebbe il giorno prefissato per la ripresa della corsa, anche perchè a Casorate c’è la Pu.Ma Race penultima tappa del PSV, ma le mie attuali condizioni di salute sommate a delle previsioni meteo che sono a dir poco pessime, mi lasciano piuttosto perplesso…

Domani si vedrà…
a proposito, per chi invece di dubbi non ne ha, ricordo che stanotte torna l’ora solare: lancette dell’orologio indietro di 60 minuti!

domenica 24 ottobre 2010

Camminata Alpina – Cardana di Besozzo

31a tappa Piede d’Oro 2010

top10 maschile Il Piede d’Oro 2010 volge ormai al termine e mentre alcuni titoli di categoria son già stati assegnati, altri sono invece ancora in bilico; stamane è toccato quindi alla piccola frazione di Cardana accogliere gli oltre 500 podisti, giunti per battagliare sulle strade della 33a edizione della “Camminata Alpina”, gara podistica di circa 10km organizzata dal locale gruppo Alpino e valevole come 31a e terz’ultima tappa del circuito.

Confermato il bel tracciato già proposto nelle ultime edizioni, duro ed impegnativo, ma in grado di regalare scorci davvero unici, come ad esempio quelli offerti dal passaggio nel pratone dei 2 pini, oppure quelli che si possono ammirare nei sentieri che costeggiano alcuni maneggi della zona.

Pronti via è il solito Ivan Breda a dettare legge imponendo da subito un ritmo piuttosto veloce; io poco alla volta risalgo posizione su posizione, tanto da arrivare a scollinare dopo la prima lunga salita al 5a posto; entriamo nei prati, comincio a faticare perdendo qualche metro da chi mi precede e regalandone qualcuno a chi mi insegue, riuscendo comunque ancora a difendermi abbastanza bene. Scendiamo in picchiata fino a tornare in paese, siamo esattamente a metà gara, ma il difficile per me deve ancora venire…

In un attimo affiora tutta la stanchezza di una stagione, mi sento le gambe vuote, ma soprattutto sento di non avere più la voglia di faticare… comincio a perdere colpi e mentre davanti si allontanano, poco alla volta vengo raggiunto e sfilato dagli inseguitori; prima Fontana, poi Marchesin ed infine anche Giordano. Ci tuffiamo nuovamente nello sterrato dei boschi, e mentre cerco di ritrovare almeno gli stimoli per non fermarmi del tutto, la mia attenzione viene attirata da un gruppo di Altimetria Camminata Alpina persone in tenuta mimetica: all’inizio penso siano cacciatori, poi mi rendo conto che probabilmente si sta svolgendo una simulazione militare! Così distratto anche dalla presenza piuttosto insolita di uomini vestiti e armati di tutto punto per la più cruenta delle battaglie (…), giungo fino ai piedi dell’ultimo terribile strappo di giornata: non più di 200 metri, ma con una pendenza davvero notevole che dopo 10km di grande fatica, possono davvero far male…

Dalle retrovie mi ha raggiunto anche Carlo Canavesi, iniziamo l’erta finale spalla a spalla, e arriviamo assieme fino circa a metà; qui decido di forzare il ritmo, così aumentando decisamente il passo riesco a scrollarmelo di dosso, e a tagliare in solitaria il traguardo finale.

Chiudo al 9° posto coprendo i 10km tondi tondi rilevati al mio GPS in 37’50”. Gara vinta da uno scatenato Ivan Breda in 34’43”, che fa suoi anche il traguardo volante e il gran premio della montagna, al 2° posto un ottimo Salah Argoub in 36’30”, chiude il podio un sempre più in forma Antonio Vasi in 36’36”; poi nell’ordine: 4° Alberto Larice in 36’45”, 5° Rachid Argoub in 37’14”, 6° Cristiano Marchesin in 37’17”, 7° Claudio Fontana in 37’25”, 8° Gioacchino Giordano in 37’39”, 9° Giuseppe Bollini in 37’50” e 10° Carlo Canavesi in 38’00”. Nessuna storia anche in campo femminile, dove s’impone al 1° posto per distacco la forte Cristina Clerici con l’ottimo tempo di 41’27”, 2° posto per Monica Mele in 45’24”, 3° gradino del podio per Cristina Grassi in 45’51”; poi in successione: 4a Antonella Panza in 46’04”, 5a Sasha Carosi in 48’35”, 6a Elisa Rossini in 48’42”, 7a Eugenia Vasconi in 49’41”, 8a Gilda Pesenti in 50’21”, 9a Cristina Albergoni in 50’26” e 10a Anna Reggiori in 50’50”.
Come sempre un grazie ad Enrico Rodari per la raccolta di tempi e posizioni sopra riportati.

                                                       >>>CLASSIFICA COMPLETA<<<

podio femminile Per quanto mi riguarda, c’è poco da dire… mi sento davvero esausto, fisicamente quanto mentalmente, tant’è che oggi più che le gambe è mancata la testa e la voglia di soffrire… penso proprio che adesso staccherò almeno una settimana dagli allenamenti per poi riprendere in maniera molto graduale da Domenica prossima a Casorate, dove molto probabilmente ci sarò solo per “far presenza” e per iniziare a prepararmi per la nuova stagione.

Ottima l’organizzazione, che ancora una volta ha presentato un bel percorso, preparato, segnalato e presidiato come si deve, ha offerto un buon ristoro e delle ottime premiazioni (il cappone di Cardana è ormai un must, altro che gli spazzolini elettrici…), il tutto condito dalla presenza dello Speaker per eccellenza Ugo Fantoni. Il chilometraggio era superiore rispetto ai 9,4km indicati sul volantino, ma c’è da sottolineare la buona volontà degli organizzatori che sia a mezzo internet che stamane prima del via hanno comunicato il reale sviluppo: l’anno prossimo ricordatevi di mettere a posto anche il volantino!

A questo punto non mi resta che ricordare a tutti gli appassionati il prossimo appuntamento con il Piede d’Oro, fissato come al solito per Domenica prossima in quel di Casorate Sempione, dove gli amici Antonio Puricelli e Silvia Murgia di Pu.Ma Sport, daranno vita alla 2a edizione della Pu.Ma Race. (clicca >>>QUA<<< per vedere la presentazione del tracciato)

giovedì 21 ottobre 2010

Si torna a salire

La mia stagione è ormai in dirittura d’arrivo, sia fisicamente che mentalmente sento il bisogno di staccare un po’ dalla corsa; in questo periodo ho solo voglia di arrivare all’ultima tappa del Piede d’Oro e poi concedermi qualche giorno di riposo.

Anche la voglia di allenarmi è ridotta ai minimi termini, però l’altro giorno quando l’amico Nico mi ha proposto di salire in Martica, non ci ho pensato 2 volte! Così ieri sera alle 17.30 eravamo pronti ad inforcare le prime rampe della salita; il verde lussureggiante di qualche mese fa, ha lasciato spazio ai colori tipicamente autunnali, il clima comincia ad essere fresco e i raggi del sole che filtrano a fatica attraverso la vegetazione si fanno sempre più deboli.

Mentre si sale in tutto relax si chiacchiera del più e del meno, godendo dei magnifici scorci offerti dal luogo; la vetta è ormai prossima, e nonostante l’orologio sentenzi che questa ascesa sia stata una delle più lente di sempre, il tempo sembra essere volato via in un attimo! Qualche minuto per rifiatare, un rapido sguardo al presepe e giù, con il sole che ormai definitivamente tramontato ha lasciato spazio alla penombra.

capriolo Passo dopo passo anche la discesa scorre via veloce, mentre tutto è ormai avvolto dalle tenebre; all’improvviso il nostro chiacchiericcio viene interrotto da un forte fruscio proveniente dalla nostra destra: ci fermiamo alziamo lo sguardo e scorgiamo uno splendido capriolo. Appena il tempo di ammirarlo in tutta la sua bellezza, che grazie a pochi balzi degni del più forte degli atleti, è già sparito dalla nostra vista.

Corriamo l’ultimo chilometro quasi alla cieca, in un’atmosfera che sembra fatata, fino a risbucare sulla strada asfaltata che con la luce artificiale dei suoi lampioni, ci riporta rapidamente alla realtà. Un cambio veloce dei vestiti, un saluto a Nico ed un ultimo pensiero prima di rincasare: “a presto Monte Martica…”

domenica 17 ottobre 2010

Stracascine: il filmato di Mario Busnelli

Più veloce di noi podisti, più affidabile di tante organizzazioni, più efficiente di me quando tento di correre nel fango (…) il Mario di CorsAmica ha già sfornato i filmati della 17a Stracascine!!






Stracascine - Albizzate

30a tappa Piede d’Oro 2010

Immagine Purtroppo stamattina il maltempo non ha risparmiato la 17a edizione della “Stracascine”, gara podistica di circa 10km organizzata dalla proloco del paese e quest’anno valevole come 30a tappa del circuito di Podismo Sportivo del Varesotto. Maltempo che ha condizionato non poco l’andamento dalla corsa, rendendola molto simile alla più dura delle campestri!

La prima sorpresa è che probabilmente a causa della pioggia, il ritrovo e la partenza non sono più nell’accogliente piazzale Sefro bensì presso l’oratorio; peccato che non abbiano messo neanche un cartello per avvisare del cambiamento i numerosi podisti accorsi sul posto…

Il tracciato è all’incirca sempre il solito; dico all’incirca perchè nonostante cambiamenti seppur minimi, in 4 anni che corro questa gara, qualcosa di diverso c’è sempre stato: ma perchè continuare a cambiare quello che dovrebbe essere un tracciato ormai collaudato??
Comunque percorso quasi interamente sterrato che snodandosi  fra prati e boschi limitrofi al paese, offre dei suggestivi passaggi fra le numerose cascine ancora presenti sul territorio: la cascina Mirasole, Bertolina, la "Catabrega", Mora e Ronchetti solo per citarne alcune.
Tracciato da sempre molto duro ed impegnativo, oggi ancora più ostico a causa del fondo reso pesantissimo dalle abbondanti piogge cadute sia nella giornata di ieri che durante la gara stessa.

IMG_00288 Così dopo una partenza piuttosto brillante onde evitare fastidiosi imbottigliamenti durante il passaggio nella prima cascina, ci inoltriamo nei boschi e inesorabilmente comincio a perdere posizioni… il terreno è davvero molto viscido, tanto che in un tratto in salita non riesco a mantenere l’equilibrio e mi trovo spalmato a terra. Il tempo di rialzarmi, capire che è tutto a posto e mi son fumato altre 4 posizioni…

Patisco moltissimo i tratti di sterrato molto muscolari (che poi sono l’80% della corsa), riuscendo sempre a riguadagnare posizioni e tempo nelle brevi escursioni su asfalto; arrivo così fino ai piedi dell’ultima salita che dalla statale porta fino al castello di Albizzate; nel tratto precedente sono riuscito ad allungare un po’ sull’amico Biagio Cantisani, potendo affrontare la salita con qualche metro di vantaggio.

arrivo Allo scollinamento Biagio è praticamente alle mie calcagna, ma avendo amministrato bene le energie sul tratto in salita, riesco a lanciare una bella volata finale che mi permette di tagliare il traguardo davanti al portacolori del Casorate senza troppi patemi.
Chiudo al 10° posto assoluto, 5° uomo del Piede d’Oro e 1° Albizzatese, coprendo i 10,570km rilevati al mio GPS in 41’02”. All’arrivo vengo a conoscenza del fatto che qualcuno ha purtroppo sbagliato strada: negli uomini di testa unica vittima Antonio Vasi che si trovava in 2a posizione prima di perdersi nelle campagne e che terminerà attorno all’80a posizione (!!!), mentre in campo femminile risultato falsato dagli errori delle prime 2 atlete di testa Cristina Clerici e Silvia Murgia.

Gara vinta da Ivan Breda in 38’50”, 2° posto per Mattia Grammatico in 40’00” e 3° gradino del podio per Francesco Mulè in 40’12; poi nell’ordine: 4° Luca Scarpa, 5° Rachid Argoub, 6° Umberto Porrini e 7° Cristiano Marchesin, 8° Amos Bianchi, 9° Alberto Antognazza e 10° Giuseppe Bollini. In campo femminile approfittando degli errori delle battistrada, s’impone su tutte Cinzia Lischetti in 49’22”, 2a piazza per Silvia Murgia in 51’44”, 3° posto per Cristina Clerici in 51’45”; poi nell’ordine: 4a Eugenia Vasconi, 5a Michela Uhr, 6a Angiola Conte, 7a Silvia Cortellezzi, 8a Elisa Rossini, 9a Vera Veronelli e 10a Cinzia Menegon.

                                                      >>>CLASSIFICA COMPLETA<<<

premiazione

Per quanto mi riguarda, ho avuto l’ennesima conferma che quando la gara è su sterrato e magari con fondo pesante, divento completamente inefficiente: tanta fatica e pochissima resa…
Venendo invece all’organizzazione, oggi non ho che potuto constatare un certo scadimento generale di tutta la macchina organizzativa… ricordo che la 1a volta che partecipai alla Stracascine (nel 2007) ne rimasi entusiasta: percorso preparato in maniera ineccepibile, cartelli per segnalare i km con tanto di disegni personalizzati, ristoro super e premiazioni talmente ricche che richiamavano atleti da mezza Italia. Stamane invece c’era un ritrovo che si faticava a trovare, in una zona non troppo felice per le partenze della gara lunga e di quelle successive dei bambini, non ho visto un cartello per segnalare i chilometri, qualcuno si è perso durante la competizione, il tracciato era circa 500 metri più lungo di quanto dichiarato sul volantino ufficiale e le premiazioni finali si sono molto ridimensionate. Speriamo che per gli anni futuri si riesca a ridare smalto a questa bella manifestazione.

Per rivedersi in azione segnalo le foto di Mario Busnelli su CorsAmica e quelle scattate da Giuliano Provino su Podisti.net.

L’appuntamento con il Piede d’Oro è fissato come sempre per la prossima Domenica, quando il gruppo Alpini di Cardana, darà vita alla “33a Camminata Alpina” , gara valevole come 31a e terzultima tappa del calendario PSV 2010.