GARE 2021 CIRCUITO RUNNING

domenica 30 maggio 2010

Da l’Ulmin all’Ulmin - Taino

14a tappa Piede d’Oro 2010


l'olmo di Taino Con le gambe ancora pesanti per le recenti “galoppate” al Giro del Varesotto, stamattina mi son recato in quel di Taino per prendere parte alla consueta tappa settimanale del Piede d’Oro: “Da l’Ulmin all’Ulmin”, gara podistica organizzata dalla Pro-Loco del paese e valevole come 14° appuntantamento del calendario del PSV.


La voglia è praticamente nulla, ma per fortuna appena arrivato m’imbatto nelle tante facce amiche: Carlo, Daniele, Cristiano, Janine, Attilio, Omar, Fabrizio, un gruppetto di Runners Quinzano… solo per citarne alcuni, i primi che mi vengono in mente! Fra i tanti stamattina ho avuto il piacere di conoscere di persona anche Ilaria, che altre volte mi era capitato di incrociare alle gare, ma con cui non avevo mai avuto occasione di scambiare 4 chiacchiere; così rianimato dalla buona compagnia inizio un breve riscaldamento, in vista dell’imminente partenza della gara.


Nonostante la giornata piuttosto uggiosa e il fittissimo calendario delle competizioni di questo periodo, sono circa 600 gli iscritti di giornata; mi posiziono nelle prime file del gruppo, anche se oggi l’intenzione è di cercare di risparmiarmi un pò, sia in vista del prossimo appuntamento settimanale con il Giro del Varesotto, sia perchè mi sento piuttosto affaticato…


Si parte dalla centralissima piazza Pajetta, in testa si portano subito Breda, Larice, Giordano, Marchesin e Beltrami, a qualche metro di distanza tutti gli altri; dopo una ripida discesa, si abbandona la strada asfaltata in favore dei boschi che praticamente faranno da cornice per l’intera gara. Tracciato davvero difficile, che da la sensazione di avere un dislivello in salita nettamente maggiore di quello in discesa, senza dimenticare il fondo reso a dir poco pesante dalle recenti piogge… tante mega pozzanghere di acqua, fango e non solo visto l’odore che emanavano…


P1020562Man mano corro, focalizzo l’obiettivo odierno: cercare di arrivare nei 10, magari senza il bisogno di sputare l’anima!! Così, inizio a contare quelli che son davanti: a metà gara mi ritrovo in 8a posizione, anche se da dietro stan rinvenendo Parolin e Lucca; nel giro di qualche centinaia di metri vengo agguantato e scavalcato, avrei la possibilità di seguirli, ma decido di lasciarli andare sempre nell’ottica di una corsa al risparmio…


Nel tratto finale mollo i freni, tanto da tornare a ridosso del duo che precedentemente mi aveva superato e staccato, manca solo il terribile strappo finale sul sentiero erboso che porta al traguardo di giornata; ancora una volta la poca voglia di faticare e il pensiero già proiettato al prossimo impegno infrasettimanale, mi suggeriscono di evitare la volata e di accontentarmi del mio attuale piazzamento.


Concludo così la mia fatica al 10° posto, coprendo i 9,78km rilevati al GPS in 39’53”. Gara vinta da Ivan Breda in 37’47”, 2° posto per Alberto Larice in 38’23”, 3a piazza per Gioacchino Giordano in 38’44”; poi in successione 4) Cristiano Marchesin in 38’54”, 5°) Biagio Cantisani in 39’01”, 6°) Antonio Vasi in 39’15”, 7°) Manuel Beltrami in 39’27”, 8°) Giorgio Lucca in 39’34”, 9°) Roberto Parolin in 39’43” e 10°) Giuseppe Bollini in 39’53”. In campo femminile dominio di Ilaria Bianchi che ferma il cronometro a 44’05”, 2° posto per Elisa Masciocchi in 45’17” e 3° gradino del podio per Antonella Panza in 46’19”; poi in successione 4a) Emanuela Fossa in 47’28”, 5a) Elena Macchi in 47’30”, 6a) Lara Amalfitano in 47’50”, 7a) Monica Mele in 49’10”, 8a) Elisa Rossini in 49’53”, 9a) Sabrina Vigezzi in 50’12” e 10a) Angiola Conte in 51’27”.


>>>CLASSIFICA COMPLETA<<<


Bello il percorso, anche se personalmente penso che a causa del troppo fango sarebbe stato il caso di prevederne uno alternativo… (vedi la foto delle mie scarpe alla fine dopo esser già state sciacquate sotto ad una fontanella!!) altra pecca la solita misurazione dello sviluppo: il tracciato è sempre lo stesso, e non è certo da 11km... e neanche da 10km... come già scritto i km son stati 9,78, proprio come l'anno scorso e quello prima ancora… conseguentemente i cartelli dei km che devo dire erano presenti dal 1° all'ultimo km e tutti ben visibili, erano messi a spanne, giusto per far tornare il conto degli 11km....
Se anche voi volete dire la vostra sulla corsa di Taino, come sempre c'è la possibilità di partecipare al >>>sondaggio<<< di CorsAmica by Mario Busnelli: votate, votate e ancora votate!


Il prossimo appuntamento con il Piede d’Oro è per Domenica prossima 6 Giugno a Venegono Superiore, dove l’Atletica Aermacchi organizza la 10a edizione del Trofeo Cral Aermacchi su tracciati da 5 e 11,5km; con tutti i “girini” ci si vede Giovedì sera a Cassano Magnago!

venerdì 28 maggio 2010

12° Giro podistico del Varesotto – 2a tappa – Besnate

DSC_0131

Circa 900 iscritti per la 2a tappa del Giro, che ieri sera hanno pacificamente invaso le strade di Besnate; tappa questa che ho sempre gradito e in cui ho sempre fatto bene negli anni passati: non troppo in questa occasione…

Ma andiamo con ordine; appena arrivato a destinazione mi imbatto nei numerosi amici presenti: c’è chi mi racconta di essere pienamente soddisfatto del proprio rendimento, chi un pò meno, chi invece pensa già alla tappa successiva… in ogni caso nelle parole di ognuno c’è quella carica, quell’entusiasmo che solo l’atmosfera particolare delle garette serali riesce a trasmettere!

Altimetria 2a tappa Giro del Varesotto - Besnate Dopo le ormai consuete partenze di baby, bimbo e mini Giro, alle 20.30 arriva finalmente l’ora del Giro vero e proprio; neanche a dirlo partenza velocissima, con il Garmin che mi segnala un primo chilometro percorso in 3’15”. Purtroppo stasera non mi sento troppo bene, arrivo da 2 giorni dove ho dormito poco o niente, e tutte quelle che prima del via erano solo sensazioni negative, in gara si trasformano in certezze…
Fatico subito molto, così mentre i primi si allontanano cerco di concentrarmi per perdere il meno possibile; patisco molto i 2 strappi in salita, tanto che sul secondo vengo superato davvero da tanta gente… scorgo anche la canotta gialla di Cristiano Marchesin che in salita sembra avere le ridotte per la facilità con cui sale… stringo i denti e appena scollinati cerco di mettermi nella sua scia per non perderlo definitivamente.

Arriviamo all’ultimo chilometro, voglio riuscire ad arrivargli davanti, anche se la benzina sembra ormai finita… su una curva a destra riesco a superarlo, inizio una volata interminabile, lui non molla un centimetro, è un testa a testa fino al traguardo! Con un ultimo sforzo riesco a tenerlo dietro, ma che fatica!

DSC_0122 IMG_6354 DSC_0169

Concludo in 20a posizione con il tempo di 19’23” necessari per coprire i 5,68km rilevati al GPS. Il 1° a tagliare il traguardo è il giovane Alberto Podestà in 17’40” che però essendo iscritto come “non competitivo” dovrà cedere la vittoria a Marco Brambilla che ferma il cronometro sui 17’42”; nella loro scia Matteo Raimondi (17’59”), Roberto Radice (18.21), Simone Busetto (18.25), Giorgio Mori (18.28), Andrea Gornati (18.45), Luca Filipas (18.52), Andrea Basoli (18.54), Simone Luciani (18.57) e Stefano Demuru (19.01). In campo femminile dopo la defezione di Claudia Gelsomino è Silvia Murgia ad aggiudicarsi la vittoria in 20’25”, 2a piazza per Federica Cerutti in 20’35” e 3° gradino del podio per Cecilia D’Andrea in 21’26”; poi in successione Lorena Strozzi (21.35), Daniela Ferrari (21.46), Cinzia Lischetti (21.48), Gaia Collenghi (21.52) , Erica Pampagnin (22.21), Giuly Novati (22.27) e Emanuela Fossa (22.58). La classica completa è disponibile sul sito della SDAM.

Tempi al km Besnate Stavolta sono un pò meno soddisfatto rispetto alla tappa di Casorate, non sono andato come avrei voluto e ho perso qualche secondino prezioso nei confronti di diversi avversari diretti, tanto che in classifica generale son scivolato dal 14° posto al 19° seppur i distacchi sono davvero molto contenuti: solo 11 secondi mi dividono dal 13° posto! Vabbè, non tutte le giornate sono uguali, e non tutte possono esser buone, speriamo di rifarmi già dalla prossima tappa di Cassano Magnago!

Per quanto riguarda l’organizzazione un plauso per come hanno gestito la partenza: strada chiusa al traffico senza auto posteggiate sui bordi e settore dedicato per i primi 50 pettorali. Dopo le lodi anche una piccola critica: il tracciato era dichiarato di 5,1km quando in realtà c’erano circa 500mt. in più…

Non mi resta che segnalare qualche utile link, sperando di non dimenticare nessuno: l’articolo di Antonio Puricelli sul sito dell’Atletica Casorate, il commento di Ska sul blog dell’Atletica La Fornace, quello di Stefano Moro e quello di Daniele Uboldi; per le foto ci sono quelle di Mario Busnelli su CorsAmica e quelle di Janine Jackson su l’ Inglesina volante!!, mentre ricordo che da Sabato 29 Maggio sarà disponibile anche la sintesi video di Fabrizio Gulmini su teleSTUDIO8.

Bene, adesso un pò di riposo (si fa per dire…) e poi Giovedì prossimo tutti a Cassano Magnago per la 3a tappa di questo avvincente Giro del Varesotto 2010!

giovedì 27 maggio 2010

12° Giro del Varesotto: i filmati della 1a tappa by CorsAmica e teleSTUDIO8

Anche in questa edizione non potevano mancare i filmati dell’amico Mario Busnelli di CorsAmica e naturalmente le sintesi di Fabrizio Gulmini su teleSTUDIO8: grazie!!

1a tappa - Casorate S. by CorsAmica Giro del Varesotto 1a tappa teleSTUDIO8 - 1

Giro del Varesotto 1a tappa teleSTUDIO8 - 2 Giro del Varesotto 1a tappa teleSTUDIO8 - 3 Giro del Varesotto 1a tappa teleSTUDIO8 - 4

mercoledì 26 maggio 2010

12° Giro podistico del Varesotto – 1a tappa – Casorate Sempione

DSC_0133

Finalmente è arrivato! Si, anche quest’anno il Giro del Varesotto è cominciato, infatti ieri sera come da consuetudine a Casorate Sempione è andata in scena la 1a delle 5 tappe del Giro 2010. Serata meteorologicamente perfetta, che ha contribuito a richiamare i numerosi appassionati: fra gara competitiva e non, circa 800 gli iscritti per questo 1° appuntamento.

Dopo aver sbrigato le solite formalità del ritiro pettorale e chip, e aver salutato una miriade di amici, mi rendo conto che si è già fatto tardi, ed è il caso di iniziare un po’ di riscaldamento! Detto fatto mi cambio e mi fiondo sul percorso di gara che ricalca fedelmente quello della passata edizione: tutto interamente su asfalto tranne gli ultimi 2/300mt. che immettono nell’impianto sportivo di Via Roma, abbastanza veloce anche se piuttosto vallonato.

In men che non si dica è ora di partire; senza i soliti affanni degli altri anni riesco a mettermi proprio nella primissima fila dello schieramento, a fianco di uno dei favoriti di giornata ma anche della classifica generale finale: Fabio Caldiroli. Ore 20:30 arriva lo sparo, e proprio nei primissimi metri vedo Fabio che è costretto a fermarsi; succede tutto nella frazione di pochissimi secondi, quindi non capisco bene cosa gli sia capitato anche se la prima sensazione è che da dietro gli abbiano sfilato una scarpa. Apprenderò solo all’arrivo che purtroppo il problema non è stato una scarpa, ma uno stiramento ad un polpaccio: in bocca al lupo di pronta guarigione a Fabio.

Intanto il plotone si è già allungato sul rettilineo che porta verso il centro di Casorate; è un super Matteo Raimondi a fare l’andatura, e che andatura! Nella sua scia tutti i più forti, compreso Marco Brambilla; io mi attesto attorno alla 10/15a posizione, e procedo di gran carriera fino al 4° km. Qui patisco un leggero calo, ma ormai in lontananza si scorge il gonfiabile dell’arrivo, bisogna solo stringere i denti! Negli ultimi metri subisco un paio di sorpassi, ma concludo comunque bene spingendo a tutta fino alla fine!

Chiudo in 14a posizione con il tempo di 18’28” necessario per coprire i 5,47km rilevati al GPS. Ad avere la meglio su tutti è Marco Brambilla in 16’54” che regola al 2° posto un Matteo Raimondi (17’15”) davvero in condizione eccellente, 3° gradino del podio per Simone Busetto in 17’37”; in campo femminile è invece Claudia Gelsomino a vincere la prova con il tempo di 19’02”, relegando al 2° posto la regina degli ultimi 3 Giri Silvia Murgia (19’27”), 3a piazza per Federica Cerutti in 20’11”. La classifica completa è disponibile sul sito della SDAM.

DSC_0216  IMG_6260

Non posso che esser felice di come è andata questa 1a tappa: un solo secondino peggio dell’anno scorso, il che significa che finalmente la condizione comincia a essere quella buona, ma cosa ben più importante dopo 2 gare molto tirate e ravvicinate come quella di Domenica scorsa e di ieri sera, il nervo sciatico non mi ha dato particolari fastidi!

Per concludere poi in bellezza la serata, sosta nell’area feste insieme agli amici Ska (il suo commento è disponibile sul blog dell’Atletica La Fornace), Elisa, Daniele Uboldi, Stefano Moro, e tanti altri per reintegrare gli sforzi della gara a suon di salamelle e birra!! Impagabile!!

Per vedere le foto della manifestazione ci sono i numerosi scatti realizzati da Mario Busnelli di CorsAmica e quelli di Janine Jackson l’ Inglesina volante; la voce ufficiale del Giro ossia l’articolo scritto da Antonio Puricelli lo trovate sul sito dell’ Atletica Casorate, qui invece trovate la sintesi di Mario Busnelli, mentre ricordo che da Sabato 29 Maggio sul sito di TeleSTUDIO8 sarà disponibile la sintesi realizzata dall’amico Fabrizio Gulmini.

Con la 2a tappa del Giro appuntamento per domani sera Giovedì 27 Maggio a Besnate: non mancate!

domenica 23 maggio 2010

Camminata Madonna della Ghianda – Mezzana di Somma Lombardo

13a tappa Piede d’Oro 2010

DSC_0685

Finalmente è arrivato il bel tempo e il caldo, e con loro è arrivata anche la 25a edizione della “Camminata Madonna della Ghianda”, una delle tappe con più tradizione e seguito di tutto il circuito del Piede d’Oro; tendenza questa confermata anche oggi, con ben 823 atleti al via!

Altimetria Camminata Madonna della Ghianda Il percorso è il solito, anche se purtroppo per la 1a volta da quando corro in quel di Mezzana, la partenza non è stata data dal bellissimo e suggestivo viale del santuario, ma dalla grigia e triste strada asfaltata che lo affianca… peccato.

L’intenzione è di fare una gara tranquilla sia in vista dell’ormai imminente Giro del Varesotto, sia perchè stamattina non avevo voglia neanche di fare il riscaldamento…
Come da abitudine in questa tappa, la partenza viene data alle 9:30 e in barba ai buoni propositi di non tirare e di risparmiarmi, allo sparo parto a razzo in testa al gruppo percorrendo i primi 2km rispettivamente a 3’19” e 3’18”…

All’inizio del 3°km decido di “alzare il piede” pensando di aver fatto esclusivamente un buon test in vista della 1a tappa del Giro a Casorate, e seriamente intenzionato a rallentare; vengo sfilato da Breda e Giordano che si avvantaggiano subito di una 50ina di metri, il 3° ad affiancarmi è il forte Oukhrid. Scambiano 2 parole e il buon Lhoussaine mi dice: “dai, mettiti dietro che ti riporto sotto ai primi…”

DSC_0766Come rifiutare una tale offerta?? E allora sotto a spingere nuovamente con il Garmin che mi segnala un 3°km chiuso in 3’29”; mi rendo comunque conto che il ritmo è troppo elevato, quindi ringrazio e saluto Oukrid, preferendo continuare con il mio passo. Nel frattempo nella nostra trainata si sono inseriti anche Negretto, Argoub, Granfo e poco più dietro Marchesin e Lucchina; capisco che i primi 3 ne hanno più di me e non provo neanche a seguirli, mentre con Marchesin e Lucchina, me la gioco fino sull’ultimo strappetto nel bosco posto circa all’8°km. Purtroppo ancora una volta patisco il cambio di pendenza per di più sullo sconnesso del sentiero boschivo… i 2 si allontanano così di pochi metri, che purtroppo non riuscirò più a ricucire…

Chiudo la mia fatica odierna al 9° posto con il tempo di 38’49” necessario per coprire i 10,38km rilevati al GPS. Gara vinta da Lhoussaine Oukrhid in 37’22”, 2° gradino del podio per Ivan Breda in 37’23” e 3° posto per Salah Argoub in 37’34”; poi in successione 4°) Paolo Negretto in 37’51”, 5°) Gioacchino Giordano in 38’11”, 6°) Luca Granfo in 38’16”, 7°) Massimo Lucchina in 38’36”, 8°) Cristiano Marchesin in 38’39”, 9° Giuseppe Bollini in 38’49” e 10° Manuel Beltrami in 39’13”. In campo femminile ennesima vittoria per Elisa Masciocchi con il tempo di 42’57”, 2a piazza per Antonella Panza in 44’58” e a chiudere il podio Emanuela Fossa in 45’44”; poi in successione 4a) Scilla Tonetti in 47’37”, 5a) Cristina Grassi in 48’40”, 6a) Angiola Conte in 49’30”, 7a) Mariela Oropeza in 49’34”, 8a) Elisa Rossini in 49’55”, 9a) Eugenia Vasconi in 50’34” e 10a) Cinzia Menegon in 51’49”. (Come sempre grazie a Enrico Rodari)

                                      >>>CLASSIFICA COMPLETA<<<

Come sempre vi segnalo qualche utile link dove trovare qualche altro commento: il blog di Daniele Uboldi, quello di Stefano Moro, quello di Omar “soxj” Spoti e il sito dell’Atletica Casorate, mentre per vedere le foto ancora una volta ci ha pensato la brava Janine Jackson conosciuta anche come l’inglesina volante; non dimenticatevi poi di votare la gara tramite il >>>sondaggio<<< di CorsAmica by Mario Busnelli.

Non mi resta che ricordare il prossimo appuntamento con la 14a tappa del Piede d’Oro per Domenica prossima 30/05 a Taino, dove la Pro-Loco organizza la corsa podistica di 3,5 e 11km denominata “Da l’Ulmin all’Ulmin”, mentre per gli amanti delle “sparate serali” ci si vede Martedì sera a Casorate per il via ufficiale del 12° Giro podistico del Varesotto!

DSC_1110 DSC_1126

P.S.
nel pomeriggio per concludere in bellezza sono andato a vedere il "Cross di Valdarno", manifestazione di corsa campestre dedicata ai più piccoli, e stavolta sono stato io a cimentarmi come fotografo...
Per chi fosse interessato a sapere com’è andata e a vedere i miei scatti, c’è il blog dell’ Atletica La Fornace.

giovedì 20 maggio 2010

Cardana Night Run – Cardana di Besozzo

HPIM3942-

Ieri sera non mi sono lasciato scappare l’occasione di passare una bella serata in compagnia, facendo una delle cose che più mi piace: correre! Infatti a Cardana, gli amici dei 7 Laghi Runners capitanati da Ugo Fantoni in collaborazione con quelli del G.P Miralago di Raffaele Della Pace, hanno organizzato la 2a edizione della “Cardana Night Run", corsa di circa 6km valevoleve come loro gara sociale.

Buona partecipazione per questa 2a edizione della neonata creatura targata 7 Laghi Runners, con almeno una 70ina di iscritti al via, fra cui anche gli amici Ciccio, Gigetto (che ho convinto a seguirmi anche se poco hanno a che fare con la corsa) e Luked; una piacevole sorpresa arriva al momento dell’iscrizione, dove in cambio della modesta cifra di 2€ ricevo una bella borraccia da mezzo litro, un porta cellulare/lettore mp3 da braccio e una bustina di sali minerali il tutto marcato Polase: ottimo!

Manca circa un quarto d’ora alla partenza, ne approfitto per fare riscaldamento e visionare il tracciato che si sviluppa su un bell’anello quasi interamente sterrato, dallo sviluppo di 3km da percorrere 2 volte; così mentre mi godo i bei passaggi attraverso alcuni maneggi della zona, non posso fare a meno che notare l’impegno con cui il percorso è stato preparato: paletti, bindelle, erba appena tagliata, sentieri puliti e cartelli per indicare ogni singolo chilometro!

Alle 20.00 circa si parte; nonostante l’aspetto squisitamente amichevole della manifestazione, quando si corre, si corre! Così dopo i primi 300mt. percorsi ad andatura piuttosto tranquilla fra una battuta e l’altra, ad un tratto cala il silenzio: non è più tempo di far andar la bocca, ma è ora di far girare le gambe! Subito sono Bassetto e Tiozzo a portarsi in testa e a guadagnare qualche metro su me e Giordano, mentre il resto del gruppo si allunga in maniera vistosa.

Il primo giro termina con il duo Bassetto-Tiozzo avvantaggiato di circa 20/30 secondi sul sottoscritto e su Giordano, via via tutti gli altri ma con distacchi che si fanno più importanti; iniziamo il 2° giro, ho grossi problemi a restare attaccato a Giordano nei tratti di sterrato in salita, dove riesce sempre a guadagnarmi qualche metro. Fortunatamente l’ultimo chilometro è un falsopiano su asfalto, così dopo aver recuperato quanto perso in salita, negli ultimi 600mt. innesco una bella accellerazione che oltre a staccare il compagno d’avventura mi permette di avvicinare sensibilmente anche Tiozzo che nel frattempo si è leggermente attardato da Bassetto.

HPIM3940_  HPIM3936

Taglio il traguardo in 3a posizione, con il tempo di 22’55” per coprire i 6,18km rilevati al GPS. Come anticipato é Paolo Bassetto a vincere la prova, con il tempo di 22’10”, 2a posizione per Marco Tiozzo in 22’30” e 3a piazza per me. Fra le donne la 1a a presentarsi all’arrivo è Elisabetta Di Gregorio che impiega il tempo di 26’50”, 2° gradino del podio per Rita Grisotto in 27’33” e 3° posto per Cinzia Menegon 29’45”.

                                                >>>CLASSIFICA COMPLETA<<<

Dopo la fatica della corsa non poteva mancare il giusto reintegro! E allora tutti in trattoria per concludere la serata con una bella mangiata: questa è la parte che Ciccio e Gigetto hanno sicuramente preferito! Ultima sorpresa della giornata l’estrazione di numerosi premi, che mi ha regalato un altro piccolo gadget: che altro volere in più??

Complimenti ai 7 Laghi Runners per l’ottima organizzazione e un grazie a tutti quelli che mi hanno tenuto compagnia facendomi passare una bella serata fra amici! Alla prossima.

domenica 16 maggio 2010

Marcia del latte – Schiranna di Varese

12a tappa Piede d’Oro 2010


DSC_0068


Finalmente dopo settimane dove più che uscire a correre, si usciva a nuotare stamattina una giornata primaverile ha accolto i 650 podisti accorsi a Schiranna per prendere parte a quella che è una vera e propria classica del circuito PSV: la “31° Marcia del latte” gara podistica di circa 10km organizzata dall’Atletica Ghepardo e oggi dedicata alla memoria di Dario Bonvini recentemente scomparso.


Altimetria Marcia del latteTappa davvero dura quella di oggi, direi destinata agli specialisti della salita e perchè no anche della discesa! Io arrivo da una settimana piuttosto pesante dal punto di vista degli allenamenti, il problema alla gamba che mi ha assillato per dei mesi, anche se moooolto lentamente sembra proprio che stia rientrando, quindi sotto a far chilometri, con il rischio di arrivare alla gara domenicale un po’ scarico… proprio come mi è successo oggi!


Il tracciato è rimasto lo stesso delle scorse edizioni, o meglio qualcosina è cambiato, ma onestamente non son riuscito a percepire dove sia stata fatta la variante… comunque alla fine il GPS ha segnato quasi 500mt. in più rispetto ad un anno fa.


Si parte subito in salita, e per 3 chilometri la strada sotto i piedi non accenna minimamente a spianare; è proprio in questa prima parte che perdo davvero troppi secondi rispetto ai migliori… dopo il meraviglioso passaggio in una delle fattorie della zona con vista mozzafiato sul lago di Varese, riesco finalmente a trovare il giusto ritmo, anche se ormai i primi son già lontani…


Dopo lo scollinamento e l’attraversamento del paese di Morosolo, ci si tuffa in discesa fino ad arrivare alla 2a temuta ascesa di giornata che porta nell’abitato di Mustonate; sono in progressione, provo a farmi sotto a Simone Turetta che mi precede, e prima di arrivare all’inizio della discesa che ci riporterà verso il traguardo riesco a sopravanzarlo. In discesa supero anche Alberto Antognazza e mi avvicino davvero molto a Biagio Cantisani, senza però avere modo di agganciarlo visto che l’arrivo è ormai prossimo.


IMG_5251 IMG_5463


Concludo all’11° posto coprendo i 9,45km rilevati al GPS in 36’12”. Ad avere la meglio su tutti è il forte Mirko Zanovello che chiude la sua fatica in 33’05”, 2a piazza per Nader Rahhal in 33’49” e 3° gradino del podio Stefano Demuru in 34’10”; poi in successione 4°) Luca Ponti in 34’34”, 5°) Mauro Toniolo in 34’41, 6°) Ivan Breda in 35’17”, 7°) Argoub Salah in 35’50”, 8°) Gioacchino Giordano in 35’53”, 9°) Cristiano Marchesin in 35’56” e 10°) Biagio Cantisani in 36’05”. Fra il gentil sesso è ancora una volta Elisa Masciocchi ad aggiudicarsi la vittoria in 39’38”, 2° posto per Rosanna Urso in 42’53” e 3° posto per Cinzia Lischetti in 43’47”; poi in successione 4a) Emanuela Fossa in 44’31”, 5a) Isabella Donadio in 45’29”, 6a) Elisa Rossini in 46’25”, 7a) Sabrina Vigezzi in 46’29”, 8) Angiola Conte in 46’31”, 9) Rodari Lizia in 46’48” e 10a) Eugenia Vasconi in 47’22”. Grazie ad Enrico Rodari per la rilevazione della classifica e dei tempi sopra riportati


DSC_0171             >>>CLASSIFICA COMPLETA<<<


Percorso davvero molto bello, ma altrettanto duro e impegnativo, buona organizzazione anche se alcune zone potevano essere presidiate meglio, ristoro discreto e premiazioni buone ma un po’ troppo lunghe. Se anche voi volete esprimere la vostra opinione, come ogni settimana c’è la possibilità di partecipare al >>>sondaggio<<< proposto da Mario Busnelli di CorsAmica: votate, votate e ancora votate!


Per leggere ancora qualcosa sulla manifestazione odierna, segnalo il commento di Ska sul blog dell’Atletica La Fornace, quello di Omar “soxj” Spoti, quello di Daniele Uboldi, quello dei Runners Quinzano e quello dei Runners Valbossa; per le foto ci sono quelle di Andrea Frigo, quelle di CorsAmica e quelle dell’ Inglesina volante (Janine Jackson).


Non mi resta che ricordare il prossimo appuntamento con un’altra delle tappe più seguite del Piede d’Oro: la “Camminata Madonna della Ghianda” che si svolgerà Domenica 23 Maggio a Mezzana di Somma Lombardo.

venerdì 14 maggio 2010

MONclassic – Montonate

Piove! Senti come piove! Madonna come piove! Senti come viene giù…


MonClassic_2010_(123)


Ieri il meteo ci aveva illuso, con una giornata non certo primaverile, ma che di tanto in tanto lasciava intravedere qualche squarcio di azzurro; la speranza di poter correre la 5a edizione della “MONclassic” senza pioggia sembrava potersi concretizzare, invece…


Invece il finimondo ieri sera! Giusto il tempo di posteggiare e recarmi all’oratorio sotto al tendone allestito in occasione della manifestazione, che i nuvoloni sopra la mia testa hanno scaricato di tutto e di più! Acqua, acqua e ancora acqua, per non farci mancare niente anche un po’ di grandine il tutto condito da tuoni e fulmini… tant’è che mentre tutti eravamo rintanati sotto al tendone con i piedi ormai a mollo visto che in tutto il prato c’eran già circa 2/3cm d’acqua, ho assistito a qualcosa che non mi era mai capitato di poter vedere da così vicino: un palo di legno sul bordo del prato a non più di 70mt da dove mi trovavo, è stato centrato in pieno da un fulmine! Un gran botto, scintille e una fumata incredibile! Mi son detto: “A questo punto se anche non corro il prezzo dell’iscrizione è già stato ampiamente ripagato: i 3€ meglio spesi della mia vita!!”


Intanto l’ora dell’ipotetica partenza si avvicinava, quindi approfittando di un momento di leggera tregua, mi dirigo verso l’auto per il cambio… rimango nell’abitacolo fino all’ultimo, con il dubbio se recarmi verso la linea di partenza o piuttosto verso il calduccio di casa…


1 Alla fine mi presento regolarmente al via; i compagni d’avventura che come me hanno scelto di sfidare non solo gli avversari ma anche le condizioni meteo avverse sono comunque circa 200. Il percorso è rimasto praticamente lo stesso delle scorse edizioni, tranne nella parte finale, dove una volta sbucati sulla strada asfaltata che collega Montonate a Mornago, invece di rientrare nei campi ci si dirige direttamente verso l’arrivo.


Alle 20:10 come da programma si parte, subito i primi attaccanti di giornata tentano di fare il vuoto, ma è solo un fuoco di paglia dovuto al traguardo volante posto a circa 800mt. dal via. Rapidamente il gruppo rientra sui fuggitivi, in testa si portano Toniolo, Demuro, Turetta, Frontini e Lucchina, poco più dietro Marchesin, Maginzali ed io. Dopo essere usciti dalle vie del paese ed esserci diretti verso la salita che porta in direzione di Caidate, si abbandona la strada asfaltata per entrare nel bosco dove da lì a poco si affronterà il suggestivo passaggio sul bel pratone che domina il paese. Il sentiero inizia a scendere e fra erba, acqua e fango in quantità, bisogna esser dei veri equilibristi per restare in piedi! Non ho voglia di rischiare troppo, così mentre davanti si avvantaggiano ulteriormente dalle retrovie vengo raggiunto e superato da un incredibile Flavio “il kamikaze” Tremea, che mi passa a doppia velocità! Risbuchiamo nei pressi del paese, breve attraversamento su asfalto e ancora sterrato sempre in discesa; Tremea allunga mentre da dietro anche Vito Covella mi aggancia e mi supera.


Finalmente arriviamo ai piedi del paese, nella parte di sterrato pianeggiante; in alcuni tratti l’acqua arriva alle caviglie e dove non c’è acqua c’è tanto di quel fango che in più di un’occasione ho rischiato di perdere le scarpe, inoltre dove la vegetazione è più fitta la luce è davvero scarsa e si fatica a vedere dove si appoggiano i piedi… in questo tratto di percorso cerco comunque di recuperare terreno su Tremea e Covella, riuscendo a rifarmi sotto e a mettermi nella loro scia.


Sbuchiamo sulla strada asfaltata e non sapendo della variazione di percorso finale, cerco di tenere un pò di energie per l’ultimo tratto sterrato che ricordo particolarmente impegnativo; mi rendo però conto che ci stiamo ormai avvicinando all’arrivo e che probabilmente non ci sarà più sterrato… ad un tratto un omino con bandierina ci incita gridando: “dai che 300mt. è finita!!”


Adesso non ho più dubbi! Accellero l’andatura, il 1° ad alzare bandiera bianca è Covella, poi anche Tremea molla, infine poco più avanti vedo anche Fabio Frontini; continuo a spingere e prima di entrare nel campo dell’oratorio ho ripreso e superato anche Fabio! Ultimo sforzo ed eccomi al traguardo, bagnato fradicio e completamente infangato ma altrettanto contento e soddisfatto.


HPIM3923  HPIM3925


Gara conclusa in 7a posizione, su un tracciato che alla fine è risultato avere uno sviluppo di 5,7km (grazie a Federica per il dato, io ieri non avevo il GPS). Ad imporsi su tutti è Mauro Toniolo, che regola al 2° e al 3° posto rispettivamente Stefano Demuru e Massimo Lucchina; poi in successione 4°) Simone Turetta, 5°) Cristiano Marchesin, 6°) Marco Maginzali, 7°) Giuseppe Bollini, 8°) Fabio Frontini, 9°) Vito Covella e 10° Flavio “il kamikaze” Tremea. In campo femminile è invece la forte Federica Cerutti a far sua la vittoria, con l’onnipresente Elisa Masciocchi al 2° posto e Ilaria Zen al 3°; poi in successione 4a) Elisabetta Di Gregorio, 5a) Cinzia Lischetti, 6a) Emanuela Fossa, 7a) Rita Grisotto, 8a) Simonetta Montis, 9a) Francesca Colombo e 10a) Elisa Rossini.


MonClassic_2010_premiazione Gli organizzatori ieri sera viste le condizioni meteo non avevano grosse alternative: o rimandare la gara oppure farla correre con tutte le incognite e i rischi del caso; hanno scelto di farla correre e si sono impegnati per quanto possibile per la buona riuscita della manifestazione, che purtroppo è stata fortemente condizionata dalle precipitazioni del tutto straordinarie di questi giorni. Ad ogni modo il tutto si è concluso (bene) proprio come era iniziato: tutti sotto al tendone per le ricche premiazioni, mentre una pioggia battente continuava a cadere imperterrita…


Questa la classifica ufficiale, mentre per qualche altro commento segnalo quello di Gilda sul blog dei Runners Valbossa e quelli di Daniele Uboldi e di Omar “soxj” Spoti sui loro, mentre le foto sono sempre a cura dei Runners Valbossa.

lunedì 10 maggio 2010

domenica 9 maggio 2010

Corsa di Primavera – Cassinetta di Biandronno

11a tappa Piede d’Oro 2010


IMG_4801


La settimana appena trascorsa è stata ancora una volta all’insegna del maltempo, fortunatamente stamattina sole e nuvole si sono più volte alternati senza però scaricare neanche una goccia di pioggia sulla testa degli oltre 600 podisti accorsi in quel di Cassinetta per prendere parte all’ “8a Corsa di Primavera”, gara podistica di 10km organizzata in maniera esemplare dal GAM Whirlpool e valevole come 11a tappa del Piede d’Oro.


Confermato il percorso ormai collaudato delle passate edizioni, che si snoda fra la ciclabile del lago di Varese, le strade di Biandronno e su un bel sentiero boschivo che riporta praticamente fino alla zona di partenza/arrivo posta proprio all’ingresso della Whirlpool.


IMG_4817 IMG_4852


Ore 9:00 arriva lo sparo: per chi è interessato al traguardo volante posto a non più di 500mt. il via si trasforma in un’interminabile volata, che quasi ricorda la partenza dai blocchi per una gara in pista ben più breve dei 10km che ci aspettano! Per la cronaca, per il 2° anno consecutivo il più lesto ad aggiudicarsi lo “sprint” è l’amico Marco Tiozzo.


DSC_0088Dopo il ricompattamento del gruppo ci si dirige spediti verso l’imbocco della ciclabile; davanti si forma un gruppetto di 6/7 unità, a pochi metri di distacco sono io il primo inseguitore, con in scia gli amici Cristiano Marchesin e Biagio Cantisani, via via tutti gli altri. In maniera abbastanza repentina, Cantisani riesce a superarmi e a guadagnare metro su metro, io continuo con la mia andatura sentendo Marchesin sempre alle mie spalle; così mentre i primi poco alla volta si allontanano io continuo il mio personalissimo duello con il portacolori dell’Atletica Casorate. Arriviamo in prossimità del 6°km, l’unico che presenta una piccola asperità che riporta sulla strada provinciale e neanche a dirlo è proprio in questo tratto che Cristiano fa valere le sue migliori doti di scalatore, riguadagnando i pochi metri che ci separavano e riuscendo a sopravanzarmi; cerco di accodarmi e di stringere i denti, ma la fatica comincia a farsi sentire.


Intorno al 7°km è Ivan Breda che a causa di un problemimo ad un polpaccio è costretto a ridurre il ritmo e ad alzare bandiera bianca, dovendo subire il sorpasso sia da parte di Marchesin che da parte mia; arriviamo nell’unico tratto boschivo di tutto il percorso che oltre a non essere il mio terreno preferito, presenta anche un andamento piuttosto vallonato dove Cristiano riesce ad avvantaggiarsi di una 50ina di metri. Risbuchiamo sull’asfalto, a circa 1km dall’arrivo, provo a spingere a fondo per tentare di rientrare sul compagno d’avventura, ed effettivamente riesco a riagganciarlo proprio a 200mt. dal traguardo senza però riuscire ad impensierirlo minimamente per il piazzamento finale…


Chiudo la mia gara in 8a posizione fermando il cronometro sui 36’37” necessari per coprire i 10,06km rilevati al GPS; oggi il bicchiere è mezzo pieno (…forse anche più di mezzo!), infatti se da una parte son contento per essere riuscito finalmente a tornare nella TOP10, dall’altra pur considerando tutti i problemi fisici avuti in questi mesi, prendo atto di aver chiuso la gara impiegando ben 47” in più rispetto all’anno scorso.


Ad imporsi su tutti è ancora una volta l’inesauribile Marco Brambilla con il tempo di 33’47”, 2a piazza per Nader Rahhal in 34’19”, mentre a chiudere il podio è Stefano Demuru in 35’33”; poi in successione 4°) Paolo Negretto in 35’56”, 5°) Gioacchino Giordano in 36’08”, 6°) Biagio Cantisani in 36’20”, 7°) Cristiano Marchesin in 36’32”, 8°) Giuseppe Bollini in 36’37”, 9°) Ivan Breda in 36’46” e 10°) Stefano Valeretto in 36’56”. In campo femminile vittoria per Cristina Clerici in 39’15”, 2a piazza per Elisa Masciocchi in 40’13”, 3° gradino del podio per Elisabetta Di Gregorio in 42’08”; poi in successione 4a) Cinzia Lischetti in 43’, 5a) Antonella Panza in 43’10”, 6a) Emanuela Fossa in 43’24”, 7a ma fuori classifica perchè non iscritta al Piede d’Oro) Giulia Malagoni in 43’35”, 8a) Rita Grisotto in 44’16”, 9a) Paola Cervini in 44’22” e 10a) Monica Mele in 45’34”. Grazie a Enrico Rodari per la classifica sopra riportata


>>>CLASSIFICA COMPLETA<<<


Come ho già detto anche all’inizio di questo commento, organizzazzione esemplare da parte della GAM Whirlpool: ottima logistica con i numerosi parcheggi dell’azienda a disposizione dei podisti, un bel percorso davvero piacevole da correre, un buon ristoro e delle ottime premiazioni!
Oggi poi a riprendere le gesta di tutti gli atleti in gara, era presente uno staff di fotografi di tutto rispetto! Per vedere tutti gli scatti della giornata, vi rimando alle fotogallery dell'Inglesina Volante (Janine Jackson), a quella di CorsAmica (Mario Busnelli) e a quella degli Athlon Runners, mentre per leggere qualche altro commento c’è quello di Daniele Uboldi, quello di Omar “Soxj” Spoti e quello di Mario.


Non mi resta che ricordare a tutti gli appassionati l’appuntamento con la 12a tappa del Piede d’Oro per Domenica prossima 16 Maggio, presso l’ex pista di Go-Kart della Schiranna, dove l’Atletica Ghepardo darà vita alla “31a Marcia del latte”, gara podistica di 4 e 10km alla memoria di Dario Bonvini.


CIMG0028-

domenica 2 maggio 2010

Camminata Cuvegliese - Cuveglio

10a tappa Piede d’Oro 2010


Oggi è toccato a Cuveglio accogliere la colorata carovana del Piede d’Oro, dando vita alla 26a edizione della “Camminata Cuvegliese”, gara podistica di 10km circa valevole come 10a tappa del circuito.


HPIM3906Ancora una volta tempo meteorologico avverso, con temperature in calo e pioggia fin dalle prime ore del mattino… roba da spegnere la sveglia e girarsi dall’altra parte per continuare a dormire… e invece no: tutti a Cuveglio, infatti anche oggi nonostante tutto, quasi 600 podisti si sono presentati al nastro di partenza!


Così dopo essere giunto a destinazione ed essermi iscritto, comincio un tranquillo riscaldamento sotto una fine pioviggine; come al solito il tempo vola e quasi senza rendermene conto è già l’ora della partenza. Il percorso è rimasto quello delle passate edizioni, non fosse per una piccola variazione circa a metà gara, atta ad evitare un tratto in discesa reso particolarmente pericoloso dalla pioggia.


Parto forte (come al solito…), cercando di testare a che punto è la mia condizione; davanti si forma subito un gruppetto di 7 atleti fra cui Toniolo, Breda, Proserpio, Rahhal, Bassetto, Assoumon e Ponti, a qualche metro ci sono io in compagnia di Marchesin, Lucchina e Fiorentini, via via tutti gli altri. Tengo bene fino all’abitato di Cavona, poi si abbandona la strada asfaltata per imboccare il sentiero boschivo che nel giro di poco più di 1km ci porterà a coprire un dislivello positivo di 120 metri, presentando delle rampe dalla pendenza davvero impegnativa, rese ancor più difficoltose dal fango e dalla pioggia.


Altimetria Camminata Cuvegliese Qui vado nettamente in difficoltà, faccio parecchi tratti camminando e poco alla volta vengo raggiunto e sfilato da diversi atleti… Finalmente scollino, non mi resta che buttarmi in picchiata nella discesa che riporta fino nel centro di Cuveglio, dove mi aspettano ancora un paio di chilometri piuttosto vallonati prima di poter tagliare il traguardo posto all’interno della piccola pista di atletica del paese.


Chiudo in 15a posizione impiegando 40’50” per coprire i 10,2km rilevati al GPS, abbastanza soddisfatto visto che poco alla volta sento di stare migliorando; la gamba mi ha dato un pò di fastidio, ma direi che la situazione è rimasta “sotto controllo”… speriamo che questo problema passi una volta per tutte!


Biagio Gara vinta da Nader Rahhal in 37’07”, 2a piazza per Paolo Proserpio in 37’35”, a chiudere il podio Mauro Toniolo in 37’48”; poi in successione Luca Ponti (4°) in 38’28”, Marino Fiorentini (5°) in 39’, Massimo Lucchina (6°) in 39’20”, Ivan Breda (7°) in 39’25”, Cristiano Marchesin (8°) in 39’31”, Marco Zarantonello (9°) in 39’33” e Paolo Bassetto (10°) in 39’39”. In campo femminile torna alla vittoria Elisa Masciocchi in 42’56” (reduce anche dal trionfo di ieri nello storico Scarpone Luvinatese che per la cronaca ha visto imporsi su tutti Lhoussain Oukhrid che scrive per la 5a volta consecutiva il suo nome nell’albo d’oro della manifestazione), sul 2° gradino del podio sale Ilaria Zen in 45’22”, mentre chiude il podio Giuliana Novati in 46’49”; poi in successione Cinzia Lischetti (4a) in 47’55”, Paola Cervini (5a) in 48’01”, Monica Mele (6a) in 48’40”, Emanuela Fossa (7a) in 49’10”, Mariela Oropeza (8a) in 51’23”, Lizia Rodari (9a) in 51’47” e Elisa Rossini (10a) in 52’02”. (Grazie a Enrico Rodari per aver raccolto la classifica sopra riportata)


                >>>CLASSIFICA COMPLETA<<<


Venendo all’organizzazzione direi abbastanza buona, anche se come al solito i famosi 11km riportati sul volantino, sono in realtà 10 e questo da almeno 3 anni a questa parte… per il resto tutto nella norma a parte delle premiazioni davvero troppo lunghe: tanta gente è andata via addirittura prima che iniziassero!


Ricordo a tutti il prossimo appuntamento con il Piede d’Oro per Domenica prossima 9 Maggio in quel di Cassinetta, dove il GAM Whirlpool organizza l’8a edizione della “Corsa di primavera” su percorsi da 3 e 10km.