GARE 2021 CIRCUITO RUNNING

domenica 17 luglio 2011

Camminata Campestre – Vinago di Mornago

21 tappa Piede d’Oro 2011

HPIM4863

L’ennesima giornata di maltempo ha caratterizzato la 21a tappa stagionale del Piede d’Oro, che stamane si è corsa a Vinago di Mornago e che nonostante tutto ha visto al via ben 631 atleti. Proprio a causa delle continue piogge cadute nell’arco della settimana, il percorso ha subito diverse modifiche atte ad evitare le zone più pericolose o rese completamente impraticabili: risultato una gara dallo sviluppo decisamente più corto di quello originariamente previsto.

Come dicevo percorso più corto, ma non certo meno impegnativo: l’andamento altimetrico è un continuo su e giù, ed il 90% della gara si svolge fra i campi e i boschi limitrofi al paese, che complice la pioggia presentano fango e pozzanghere in quantità!

Parto abbastanza forte, provando a non perdere terreno dalla testa della corsa, condotta ancora una volta dal forte Ivan Breda che si traina a rimorchio Andrea Basoli e Rachid Argoub; riesco nel mio intento almeno fino al 3° km circa, anche se mi rendo conto di faticare davvero troppo… le gambe sono pesanti e di chilometri ne mancano ancora tanti…

Col passare dei minuti capisco di essere sempre meno efficace, il ritmo cala e il primo ad approfittarne è Gioacchino Giordano che dopo avermi superato riesce a guadagnare terreno in maniera piuttosto disarmante…
Nel giro di qualche altro centinaio di metri, è la volta dell’attacco di Giovanni Vanini, che a sua volta mi sorpassa e prova subito ad allungare; tento di resistergli, ma oggi proprio non gira…

Fra una scivolata e l’altra a poco più di 1 km dall’arrivo ecco arrivare anche un cane di grossa taglia, che nel completo disinteresse del padrone (…), mi rincorre in maniera minacciosa provando a morsicarmi una gamba… solo grazie ad una manata che gli rifilo sul musone riesco ad evitare il peggio, ma che paura…

Sull’ultima ascesa vengo ripreso anche da Manuel Beltrami, non ho alcuna intenzione di perdere un ‘altra posizione, così facendo ricorso alle ultime energie residue ma più che altro a tutta la mia forza di volontà, riesco a fare un cambio di passo, che mi permette di staccare il rivale e tagliare il traguardo senza patemi da volata finale.

Concludo in 6a posizione, coprendo i 7,6km rilevati al mio GPS in 28’13”. Prestazione un po’ sottotono: la condizione non era al top, e il tipo di percorso molto muscolare e piuttosto breve ha fatto il resto…
...spero di fare meglio settimana prossima, su un tracciato che almeno sulla carta, si addice di più alle mie caratteristiche.

Neanche a dirlo, gara vinta da Ivan Breda in 27’02”, 2° posto per il mai domo Rachid Argoub in 27’24”, chiude il podio Andrea Basoli in 27’43”; poi nell’ordine: 4° Giovanni Vanini in 27’58”, 5° Gioacchino Giordano in 28’04”, 6° Giuseppe Bollini in 28’13”, 7° Manuel Beltrami in 28’27”, 8° Giuliano Marsetti in 28’35”, 9° Mauro Toniolo in 28’46” e 10° Marco Tiozzo in 28’48”. In campo femminile ancora una volta a segno Cristina Clerici in 31’36”, piazza d’onore per Antonella Panza in 33’30”, chiude il podio Cinzia Lischetti in 33’50”; 4a Giusy Verga in 34’36”, 5a Emanuela Fossa in 34’39”, 6a Angiola Conte in 35’18”, 7a Cristina Grassi in 35’59”, 8a Mara Minato in 37’50”, 9a Eugenia Vasconi in 38’05 e 10a Cinzia Menegon in 38’15”. (Grazie ad Enrico Rodari per la classifica e i tempi sopra riportati)

>>>CLASSIFICA COMPLETA<<<

HPIM4868 HPIM4871

Peccato per il tracciato “tagliato” e notevolmente più corto del dovuto, e peccato anche per il maltempo che non ha certo aiutato gli organizzatori, che ad ogni modo hanno fatto del loro meglio per garantire la buona riuscita dell’evento; una nota di merito al ristoro finale davvero ben fornito (chiedere a Stefanino “Paperino” Moro per ulteriori conferme!!).

infine ma non meno importante (!!!), da segnalare la presenza massiccia di membri dell’Official Team dove osano le aquile: Massimo “il campionissimo” (suo il commento presente sul blog), il rientrante Gornagatto, Ste “il saggio”, Raffo “l’egiziano”, il Maurone, Omar “soxj” e qualcuno mormora ci fosse anche Jamba…

L’appuntamento con il Piede d’Oro è per Sabato prossimo a Besozzo, per l’unica tappa serale di tutto il circuito: la 33a edizione della classicissima “Camminata di S.Anna” che prenderà il via alle 20.30 su un unico percorso da 8km circa.

11 commenti:

  1. dovevi tirargli una manata in faccia anche al padrone.. e' pieno il mondo di sti coglioni..
    per il resto ottima come sempre.. un po' di stanchezza e' lecito provarla ;-)
    ciao
    pimpe

    RispondiElimina
  2. Guarda, se non fosse stato che mi sarei dovuto fermare, qualche "scambio di opinioni" con il padrone del cane l'avrei avuta più che volentieri...
    Ciauz

    RispondiElimina
  3. strano che il padrone non ti abbia detto "ma suvvia, non mrde mica". che rabbia!
    comunque bravo Beppe!
    io alla fine sono stata contenta dei 7,5km: li ho potuti correre tutti e sabato a Besozzo al 99% ci sarò: salamella??

    RispondiElimina
  4. Yesssssssss, salamella e birrozzo!! :-)

    RispondiElimina
  5. Sì, Beppe! appena terminata la corsa sono andato a cambiarmi in auto e quindi mi son recato al ristoro in ritardo e nonostante ciò le volonterose signore addette continuavano a elargire generosamente pane e marmellata! brave! ed il top l'hanno raggiunto quando han portato la marmellata (fatta da una di loro) di mele e cannella!! delicatissima! una prelibatezza!
    :-)

    RispondiElimina
  6. P.S.: evviva i cani ma abbasso la maggior parte dei loro padroni!! non puliscono la cacca dei loro innocenti quadrupedi e lasciano liberi anche quelli di stazza più grossa creando notevoli situazioni di pericolo!! Una volta avevo scritto ciò all'ENPA!! mi risposero che non amo gli animali!! avevano capito un bel fico secco di niente!!

    RispondiElimina
  7. Ciao Peppe,
    piccola nota tecnica: hai notato anche tu che i tempi della classifica ufficiale sono differenti (anche di parecchi secondi in meno) da quelli riportati nel tuo articolo? Il mio, ad esempio (19° al traguardo e qualche secondo dietro al 18°), è stato diminuito di 1 minuto ed equiparato al 18°... non vorrei sembrare pignolo ma non è un pochino troppa la differenza? Forse che Giove Pluvio ha ritardato il cronometraggio ufficiale?
    Mah, vai a capirla.
    Infine, concordo con Stefano in merito ai cani: a volte le "istituzioni" capiscono davvero un fico secco di niente!!!
    Vabbè, scusa, ciao.

    Roberto.

    RispondiElimina
  8. Ciao Roberto,
    purtroppo oggi per come funziona il sistema di rilevamento della classifica, i tempi non sono assolutamente affidabili.
    Il sistema va benissimo per stilare una classifica completa in base ai piazzamenti, ma niente più.
    La soluzione è sempre e solo una: il chip elettronico.
    Chissà che prima o poi la "svolta epocale" arrivi ;-)
    Alla prossima!

    RispondiElimina
  9. Ciao Beppe,
    in effetti hai assolutamente ragione. Ma credo che anche il chip su una manifestazione lunga quasi un anno non sia di così semplice gestione: tanti atleti occasionali (vedi il sottoscritto, per esempio), qualche "dimenticanza" dello stesso chip sul paio di scarpe finito in lavatrice, etc, etc ... Guarda, facciamo così: proponiamo un bel dispositivo innestato sottopelle... Scherzo!!!
    Grazie della piacevole compagnia e ciao.

    Roberto.

    RispondiElimina
  10. Ciao Beppe! Concordo anch'io con entrambe le considerazioni: in genere a me i tempi li allungano di una decina di secondi nelle classifiche ufficiali rispetto al tempo reale e riguardo ai cani succede sempre così anche quando ci si allena: non sono quasi mai al guinzaglio e quando ti saltano addosso e ti hanno dato una bella unghiata il padrone ti dice: "non aver paura, non fa niente, è buonissimo...". Ormai ho perso la speranza che i padroni diventino un po' civili. Ciao!
    Elena

    RispondiElimina
  11. Quoto anch'io il microchip sottopelle alla pari dei quadrupedi!!!!

    A me han pure tolto la media gara (l'unico)... ma è iniziata una lunga guerra :)

    RispondiElimina