GARE 2021 CIRCUITO RUNNING

domenica 12 luglio 2009

Camminata campestre alpina - Leggiuno

Si sa, per battere il caldo il Piede d'Oro a Luglio anticipa la partenza delle sue gare di mezz'ora, e così anche stamattina mi è toccata una levataccia! Infatti alle 7 ero già in strada per raggiungere Leggiuno, dove alle 8.30 avrebbe preso il via la 2a edizione della "Camminata campestre alpina", organizzata appunto dal locale gruppo alpino.

12072009(002) Riconfermato interamente quanto già visto nella passata edizione, con ritrovo e partenza nei pressi delle scuole del paese, un tracciato caratterizzato da tanto sterrato e continui cambi di ritmo, con almeno 3 asperità degne di nota; dopo lo scollinamento dall'ultima salita intorno al 7°/8°km quasi tutta discesa fino all'arrivo posto sempre in Via Dante Alighieri.

Dopo la solita "commedia" con urli e minacce per cercare di fare indietreggiare di qualche metro il folto plotone di runners, finalmente si parte; neanche 100mt. di asfalto e siamo già su un sentiero sterrato che anche senza presentare pendenze proibitive sale comunque costantemente. In testa si portano subito gli amici Andrea Basoli e Ivan Breda, tallonati da molto vicino da Beltrami, Buzzi, Rachid Argoub, il sottoscritto e il rientrante Daniele Colasurdo (fermo da diversi mesi per un infortunio ad un polpaccio).

Col passare dei chilometri le posizioni si delineano sempre più, con Basoli a fare da battistrada e il resto degli inseguitori che si allungano alle sue spalle; io mi trovo attorno all'8a posizione a "sgomitare" ancora una volta con Daniele Colasurdo, compagno di innumerevoli duelli già nella passata stagione. Ci alterniamo più volte a fare l'andatura: in piano e in discesa sono io a trovarmi maggiormente a mio agio, mentre in salita è sempre lui ad essere più efficace! Continuiamo così almeno fino al 4°km quando in un tratto in discesa trovo l'allungo decisivo che fa perdere diversi metri all'amico Daniele.

Continuo nella mia azione, anche se corro sempre un po' "di conserva" avendo brutti ricordi dell'ultima salita che mi aspetta al 7°km... l'anno scorso mi aveva infatti costretto a camminare per qualche metro! Arrivo al punto clou, ma stavolta la tanto temuta ascesa non riesce a fermare la mia corsa, e senza faticare neanche troppo mi accorgo di averla già superata!

Potrei accontentarmi qua, ma a non più di 150mt. avanti a me vedo la sagoma di Giordano Gioacchino e fra me e me penso: "quasi 3km di discesa su strada asfaltata: si può fare!". Il ricongiungimento avviene nei pressi dell'ultimo chilometro e senza stare troppo a pensarci, mi metto subito davanti imprimendo una nuova accellerazione all'andatura; Giordano non ce l'ha fa e perde subito dei metri preziosi, che mi consentono di tagliare il traguardo abbastanza in tranquillità.

12072009(004) Chiudo così la mia fatica al 6° posto assoluto, 2° di categoria e 5° uomo del Piede d'Oro, coprendo i 10,02km rilevati al GPS in 38'20". Basoli dopo aver fatto tutta la gara davanti, viene raggiunto e superato da Breda nell'ultima discesa, ma poi quest'ultimo decide di aspettare il compagno d'avventura e tagliare il traguardo assieme a lui; pertanto ufficialmente 1° Andrea Basoli (Runners Valbossa), al 2° posto Ivan Breda (Atletica Arcisate) e al 3° l'inesauribile Manuel Beltrami (G.P. Gazzada Schianno) che ha la meglio in volata su Alberto Buzzi. In campo femminile è invece Cinzia Passera  (Runners Valbossa) ad imporsi su tutte, con al 2° posto Elisabetta Di Gregorio (Runners Valbossa) e al 3° Angiola Conte.

           >>>CLASSIFICA DI TAPPA<<<

Buona organizzazione, l'unica nota stonata è riservata al simpatico omino con tanto di bandierina e cane al seguito che era di servizio all'uscita dal bosco prima dei 3km finali in discesa: peccato che il cane fosse libero e senza museruola e nonostante il padrone se ne disinteressasse perchè "tanto il cane è buono", io ho rimediato una bella graffiata sulla coscia destra e qualcun altro è stato costretto a fermarsi per timore di essere aggredito...

Non mi resta che ricordare il prossimo appuntamento con il Piede d'Oro per Domenica 19 Luglio a Vinago, dove la Polisportiva del paese organizza la 33a edizione della "Camminata campestre", gara podistica di circa 9,5km valevole come tappa n°22 del circuito PSV.

9 commenti:

  1. Bravo Beppe, noto sempre di più dalle tue belle cronache che come tattica di gara sfrutti la rimonta. Anche io uso quasi sempre questa tattica come d'altronde anche l'amico Rodari ed altri ancora. Penso che sia la più esalatante anche se non sempre la vincente. Ciao e complimenti per il piazzamento.

    RispondiElimina
  2. Ciao Matteo, grazie mille! Mi fa sempre molto piacere leggere i tuoi commenti!Per la tattica di gara, in passato troppe volte son rimasto "senza benzina" nei momenti cruciali... adesso preferisco correre sempre con un pò di margine e magari se riesco a cambiar passo negli ultimi chilometri ^_^Ciao.

    RispondiElimina
  3. Ciao Beppe e complimenti per la gara! Credo che quella della rimonta sia una caratteristica di gara che maturi con l'esperienza!Per ora non fa parte del mio bagaglio!A presto...ci sei ad Arsago Seprio?

    RispondiElimina
  4. Ciao Daniele!Si, ma poi in realtà tanto dipende anche dal tracciato di gara: alla fine io patisco sempre molto lo sterrato e le salite troppo "brusche", mentre vado nettamente meglio sull'asfalto; essendo il finale di oggi favorevole alle mie caratteristiche, mi ha permesso di compiere una bella progressione con rimonta!Ad Arsago penso di venire a farci una capatina, anche se probabilmente sarà solo un allenamento in compagnia!Ciao.

    RispondiElimina
  5. In pratica hai fotografato anche i miei gusti e nelle stesso tempo i miei problemi! Sterrato (anche se patisco maggiormente i sentieri nei boschi) e salite troppo salite!!! mentre amo l'asfalto dove riesco rendere al meglio.Sto facendo un pensierino per la "camminata campestre di Vinago" che mi dici del percorso?Ciao

    RispondiElimina
  6. te fini de farme e foto???

    RispondiElimina
  7. X Daniele: Vinago se è rimasto lo stesso tracciato dell'anno scorso direi che è abbastanza veloce; il fondo è per la maggior parte sterrato, mentre l'andamento è vallonato ma senza salite degne di nota.Consigliato ;-)X Omar:se sei sempre in mezzo non è colpa mia!!!!

    RispondiElimina
  8. ero appena arrivato...

    RispondiElimina
  9. Ciao BeppePer Vinago non so ancora! Quest'anno vorrei lasciar perdere i percorsi per me troppo sconnessi! (vedi pubalgia non ancora assorbita completamente), è probabile che venga, ma a fare un bel servizio fotografico per il mio blog! mi sto appassionando anche a questo aspetto del podismo!!! Ci vediamo cmq!!!

    RispondiElimina