Gare CIRCUITO RUNNING 2021

domenica 12 febbraio 2012

-7…

…no, non mi riferisco alla temperatura minima di stamattina, ma piuttosto ai giorni che mancano all’inizio del Piede d’Oro!
Purtroppo la neve caduta nei giorni scorsi e le temperature molto rigide che stanno caratterizzando questo mese di Febbraio, stanno rendendo la vita difficile anche agli organizzatori…

copertina 2012Se sul sito del G.P. Miralago è già comparsa la comunicazione ufficiale che la gara “Paola e il suo lago” in programma per Domenica 26 Febbraio a Cadrezzate e valevole come 2a tappa del circuito PSV, sarà totalmente rivista per evitare i passaggi nei boschi resi completamente impraticabili da neve e ghiaccio, non si hanno ancora notizie certe per quanto riguarda la prima gara del calendario (la “Marciando per la vita”) che prenderà il via Domenica prossima da Varese.

Tutto è rimandato a Venerdì 17 quando con l’ultimo sopralluogo il direttivo del PSV deciderà il da farsi, ma con tutta probabilità verranno tagliati alcuni punti del tracciato resi pericolosi dalla neve; a forte rischio il passaggio nel percorso vita intitolato a Fiorella Noseda, stesso discorso per lo sterrato che porta fin sotto la torre di Velate.

Vedremo…
…ad ogni modo appuntamento a Domenica 19 Febbraio con la prima del Piede d’Oro!

2 commenti:

  1. discesa del Campus: 10cm di neve ben compattata... impossibile passare di lì...

    RispondiElimina
  2. Ed ecco le ultime news by Marco Frigo su come sarà quest'anno il percorso della 29a Marciando per la vita:

    "Ieri sera, abbiamo fatto il giro della marciando per la vita.
    Il percorso rimane uguale fino alla Lanfranconi,abbiamo deciso di togliere il pezzo della chiesetta di San Cassiano e della torre di Velate, pieno di neve e di ghiaccio.
    Una volta arrivati alla Lanfranconi, al posto di girare a sinistra si prosegue dritto, una dura salita di 400 metri.
    Finita la salita si prosegue con un falsopiano che porta al ciotolato di Guttuso discesa si gira a sinistra ponte di Velate si risale e si sbuca sulla strada che porta al Sacromonte, si gira a sinistra e si prosegue nella discesa fino a santambrogio.
    Si prende la via Cereda la via Bormida , abbiamo tolto la via dei castani e il sentiero vita della Noseda.
    Dopo via Bormida, si gira a sinistra e si torna a salire fino ad arrivare quasi a Santambrogio, da qui si torna indietro sul pezzo in piano dietro il Campus e la parte finale dello stadio e uguale, tranne il Castello anch'esso tolto per il ghiaccio nel tratto della discesa.
    Arrivati al castello al posto di andare dritti di scendere a sinistra si ritorna sulla via Crispi e si arriva.
    Una decina di chilometri, di un percorso nervoso più tecnico dello scorso anno, tante curve in più e un saliscendi continuo dove si farà fatica a trovare il ritmo giusto."

    RispondiElimina