domenica 4 settembre 2011

Trofeo Poretti – Bernate di Casale Litta

25a tappa Piede d’Oro 2011

premiazione maschile

Anche quest’anno è arrivato l’appuntamento con Bernate: non so esattamente perchè, ma quello che so è che questa gara è da sempre una delle mie preferite, una di quelle a cui per niente al mondo rinuncerei, una di quelle dove bisogna dare il 110%, una di quelle che già la sera prima mi mette agitazione!

Nonostante qualche defezione dovuta alla concomitanza con la Cittiglio-Vararo (classifica), circa 500 atleti si sono presentati al nastro di partenza, per sfidarsi sull’impegnativo tracciato disegnato dal mitico Antonio Alezio, che viste le previsioni meteo tutt’altro che incoraggianti ha preferito eliminare i tratti di sterrato in favore del più sicuro asfalto.

Altimetria_Trofeo Poretti_BernatePronti via, mi metto subito in testa a fare l’andatura: oggi non voglio regalare niente agli avversari! Nella mia scia il forte Ferdinando Mignani, il vincitore dello scorso anno Antonio Vasi, poi Emanuele Angotzi, Manuel Beltrami e via via tutti gli altri. Dopo 1km in leggera discesa la strada comincia a salire, da prima in maniera dolce, poi in maniera più brusca, e sale, sale e ancora sale: circa 3km di ascesa fino ad arrivare nel centro di Casale Litta.

Mignani ha già guadagnato una 20ina di metri, subito dietro ci siamo io e Antonio Vasi che comunque non concediamo molto al portacolori della Pro Sesto, staccati di qualche altra decina di metri seguono Angotzi, Beltrami e Canavesi. Prima di giungere allo scollinamento riesco a staccare leggermente Antonio, ma quando la strada torna ad essere pianeggiante o in discesa, il portacolori della Palzola riesce a tornarmi sotto con estrema facilità.

fs_p010_12_15 Provo a forzare un pò il ritmo, ma capisco che tentare di rientrare su Mignani è quasi impossibile… mi concentro quindi sul duello con Vasi, che da qualche tempo a questa parte sta dimostrando di essere tornato definitivamente il super Antonio dei tempi migliori. La strada s’impenna nuovamente, e metro dopo metro riesco a guadagnare un pò di terreno sul compagno d’avventura, che perde si qualcosina ma rimanendo sempre ad una distanza piuttosto insidiosa!

Finalmente la salita termina, ormai mancano solo gli ultimi chilometri che riportano verso la fattoria e l’agognato traguardo di giornata; per paura di essere ripreso mi butto a capofitto nell’ultima discesa, impostando delle traiettorie in curva quasi da pilota di motoGP!! La strada spiana, manca solo il breve rettilineo finale e il solito giro attorno alla fattoria, ma le gambe cominciano ad essere davvero pesanti…

podio maschileUltimo sforzo ed eccomi tagliare il traguardo per il secondo anno di fila in 2a posizione, coprendo i 10,6km rilevati al mio GPS in 39’36”. Vittoria per Ferdinando Mignani in 38’58”, 2° posto per Giuseppe Bollini in 39’36”, chiude il podio Antonio Vasi in 39’47”; poi nell’ordine: 4° Manuel Beltrami in 40’07”, 5° Emanuele Angotzi in 40’22”, 6° Carlo Canavesi in 40’33”, 7° Roberto Lucietto in 41’30”, 8° Patrik Morvillo in 41’33”, 9° Stefano Valeretto in 41’57” e 10° Matteo Rodari in 42’15”. In campo femminile dominio di Rosanna Urso, vincitrice in 46’02”, 2° posto per Rita Grisotto in 51’12”, chiude il podio Eugenia Vasconi in 53’10”; poi nell’ordine: 4a Cinzia Menegon in 53’29”, 5a Monica Grisotto in 54’39”, 6a Silvia Fantin in 55’14”, 7a Carla Valeri in 56’05”, 8a Martina Gioco in 56’17”, 9a Anna Reggiori in 56’21” e 10a Emanuela Brusa in 56’46”.

>>>CLASSIFICA COMPLETA<<<

Davvero buona l’organizzazione, dalla preparazione del tracciato, all’ottimo ristoro, fino alle ricchissime premiazioni finali per i primi 20 uomini e le prime 10 donne; nonostante la pioggia sia arrivata solo durante le premiazioni, più che apprezzabile anche la scelta di eliminare le parti di percorso sterrato in favore dell’asfalto in grado di assicurare una maggiore sicurezza per tutti i partecipanti.

Non mi resta che ricordare il prossimo appuntamento con il Piede d’oro, che settimana prossima farà tappa a Cunardo per la 3a edizione della “Su e giù per Cunardo”, gara podistica di circa 9,5km (speriamo…) quest’anno valevole come 26° appuntamento stagionale del circuito.





1 commento:

  1. Grande Beppe... è proprio la tua gara!!!

    RispondiElimina